Contenuto sponsorizzato

Tranquilli, dove c’è il buio, ci siamo noi: voci dei giovani partecipanti al Campo Estivo di Astalli Trento e Libera

Dopo la pausa estiva, torniamo a raccontarvi Buone Notizie sulla migrazione. Quelle che vi portiamo oggi sono le parole dei venti ragazzi tra i 18 e i 25 anni, italiani e migranti, che hanno partecipato al campo estivo “Dov’è buio brillano le stelle” del Centro Astalli Trento e dell’Associazione Libera contro le mafie
DAL BLOG
Di Centro Astalli Trento - 30 agosto 2019

Per saperne di più su di noi, vienici a trovare nel nostro sito http://www.centroastallitrento.it/

Il campo, di cui vi avevamo già parlato in un precedente articolo, (QUI L'ARTICOLO) si è svolto dal 5 all’11 agosto nella cornice della Cooperativa Villa Sant’Ignazio. È stato, come dice Marianna che ha 24 anni ed è di Trento “un’opportunità per andare a fondo nella realtà che ci circonda senza uscire dai confini della nostra regione”. Radmilla, bolognese di 19 anni, usa una sola parola per descrivere quest’esperienza: “Umanità”.

 

Vivere, lavorare, riposare e imparare insieme è stata un’esperienza piena e forte. “Lunedì scorso il decreto sicurezza bis è diventato legge” scrive Isotta, un’altra partecipante “nello stesso momento, noi eravamo tutti insieme, a parlare del rapporto tra migrazione e criminalità organizzata, di ambiente e sfruttamento, di cittadinanza, propaganda e cultura. Abbiamo imbiancato, sradicato ailanti, legato pomodori, suonato insieme, camminato tanto, ascoltato storie intrise di un buio che ci ha lasciati impotenti. Impotenti e pieni di vergogna per la coscienza altrui, per la paura e l'ignoranza, per quanto è fragile la nostra umanità. Abbiamo riso troppo e pianto altrettanto, mannaggia a voi.”

 

Le emozioni non sono mancate neanche per i ragazzi migranti che hanno partecipato alle attività in veste di campisti, alla pari con i loro coetanei italiani. Tra di loro Obi, che ha 19 anni e viene dalla Nigeria, dice “non cambierei niente del campo, non ho mai sentito tanto amore prima, mi è piaciuto molto stare qui”. Lo stesso pensa Sideek, anche lui nigeriano ma di 21 anni “conoscere gente nuova e integrarmi con la loro cultura è ciò che mi dà il coraggio di andare avanti”.

 

Al fianco della felicità e della bellezza di conoscersi e condividere, sono emerse anche la preoccupazione per la realtà odierna dell’Italia, frustrazioni e paure per il futuro. Il tema del campo estivo era “Dov’è buio, brillano le stelle” e Giorgio, operatore del Centro Astalli Trento, racconta che quando ci siamo fermati a riflettere su cosa siano il buio e le paure è stato un momento molto tosto. I ragazzi hanno parlato della crisi ambientale e delle loro difficoltà personali, ma anche delle ombre di disinteresse e di pigrizia che ci affliggono tutti i giorni, del linguaggio violento sdoganato tra i coetanei e i vicini di casa, dell’odore tossico di una società individualista che pensa solo al profitto e di una vita quotidiana frenetica che crea una solitudine ad empatia zero. La violenza che percepiamo intorno a noi si toccava con mano in quei discorsi.”

 

Eppure, come scrive Isotta “c'era tanta luce, in tutto questo. Nell'auto-ironia di chi è arrivato dall'Africa ‘con una bicicletta senza freni, circa 4 ore di viaggio’ e che tornerà con un regionale veloce ‘però diretto, senza passare dalla Libia’. Nel sorriso contagioso di tutti voi, ché come dice il buon Karim, ‘essere sempre felici è una cosa molto carina’. Dedico un sassolino a tutte le stelle che avete acceso e accenderete. ”

Insomma, come indica il titolo del campo, la speranza è più forte della paura, il brillare delle stelle sconfigge il buio. La voglia di vivere, di conoscere e di migliorare sé stessi e il mondo di questi giovani fa ben sperare per il futuro. Ma ci fa anche capire che da soli non possiamo andare da nessuna parte. Citando le parole di Saint-Exupéry: “Bisogna pure tentare di riunirsi. Bisogna pur cercare di comunicare con qualcuna di queste luci che risplendono, di luogo in luogo, nella campagna”.

 

I giovani che hanno partecipato al campo di Astalli Trento e di Libera hanno fatto proprio questo. Si sono riuniti e hanno accresciuto tutti insieme la loro luce. Com’è andata? Vi lasciamo con le parole di una poesia di Samuele, giovane servizio civilista del Centro Astalli Trento:

 

“Voi siete qui e io me ne sono accorto /

Per fortuna del vostro viaggio nulla è andato storto /

quel barcone è riuscito ad attraccare in quel benedetto porto /

La nostra storia è iniziata lunedì, imbiancando la casa, lavorando nell'orto /

Sapevo già che stando insieme nessun problema sarebbe sorto /

e abbiamo dimostrato che "quelli là" hanno solamente torto /

anche ahimè se gli sareste stati più simpatici da morto /

Ci prendiamo dei buonisti, ma noi approfondiamo, ci informiamo, quelli sui banchi di scuola manco li ho visti /

Manco li ho visti a metterci la faccia /

Altrimenti avrebbero fatto solo una figuraccia /

sputano odio, come reduci da una nottataccia /

cercano di trovare un capro espiatorio a cui dare la caccia /

Ci chiedono di ospitarli a casa nostra /

Ma che idea magnifica, questa è una fantastica proposta /

Non so perché questa idea prima non mi sia sorta /

Ci rubano, ci drogano se hai la mentalità corta /

e pure una visione delle cose bella distorta /

Ma a me che me ne importa /

Ci vediamo stasera in piazza Duomo per trovarci un'altra volta /

Forse per loro l'esperienza a Sant'Ignazio sarebbe stata uno strazio /

Ma io ci vedo solo la luce come se guardassi da una pietra di topazio /

Ma non sono ancora sazio,

Devo divulgare, devo far capire / a chi quest'esperienza manco la vuole sentire /

Quando è buio brillano le stelle /

Dopo questo campo le notti sono diventate più luccicarelle

Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 14 novembre 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

15 novembre - 13:55

Diverse le valanghe, due in particolare di grandi dimensioni, che sono piombate sulla carreggiata lungo la strada statale 42, diversi i veicoli sfiorati, mentre due vetture sono state centrata dallo scivolamento della neve dalla rampa dell'arteria

15 novembre - 13:25

Situazione difficile anche in Alto Adige, quasi tutti i passi sono stati chiusi per ragioni di sicurezza. Il grado di pericolosità per quanto riguarda le valanghe è stato portato al livello forte, il quarto su una scala di cinque. Dalle 21 di ieri sera l'autostrada del Brennero in direzione Nord, a partire da San Michele all'Adige, sarà percorribile lungo una sola corsia di marcia

15 novembre - 11:36

L'incidente è avvenuto questa mattina ed ha comportato alcuni problemi al traffico. Sul posto i vigili del fuoco, soccorsi sanitari e io carabinieri 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato