Contenuto sponsorizzato

Un giovane ensemble che si dedica alla musica del XVII e del primo XVIII secolo, ecco La Vaghezza

Le loro interpretazioni musicali sono storicamente informate, ma sempre guidate dalla loro comune sensibilità e gusto d’insieme e dalla ricerca de "La Vaghezza", una bellezza impossibile da comprendere, inafferrabile
DAL BLOG

Analisi, recensioni, presentazioni delle grandi opere nella prestigiosa sala della Società Filarmonica di Trento

Lunedì 4 aprile, alle 19.30, la società Filarmonica di Trento ospiterà La Vaghezza, un giovane ensemble che si dedica alla musica del XVII e del primo XVIII secolo, con un interesse particolare per l’imprevedibilità, la stravaganza, l’originalità e la libertà della musica italiana del XVII secolo.

 

Le loro interpretazioni musicali sono storicamente informate, ma sempre guidate dalla loro comune sensibilità e gusto d’insieme e dalla ricerca de "La Vaghezza", una bellezza impossibile da comprendere, inafferrabile. Dalla loro fondazione nel 2016, si sono esibiti nei più rinomati festival di musica antica e serie di concerti, come l’Utrecht Early Music Festival, Bruges MA Festival, Monteverdi Festival Cremona, Gottingen Händel Festspiele, Festival MiTo, Thessaloniki Baroque Festival, Festival de Musica Antigua Sevilla, York Early Music Festival.

 

Sono stati il primo ensemble a vincere tutti e tre i premi al prestigioso Gottingen Händel Competition (2018) e sono stati scelti come Ensemble Europeo Emergente nel programma EEEmerging, finanziato e supportato da diverse organizzazioni europee. I membri de La Vaghezza vivono in Inghilterra, Italia e Francia, sono tutti strumentisti molto richiesti (anche singolarmente) e lavorano con artisti di fama internazionale nelle sale da concerto più celebrate del mondo.

 

I cinque musicisti hanno tutti un ruolo uguale nella direzione musicale del gruppo e i due violini suonano indifferentemente la prima o la seconda parte. Nel 2021 hanno pubblicato il loro primo album Sculpting the Fabric con l’etichetta Ambronay Editions con grande successo di pubblico e di critica. Faranno vibrare le loro corde per la prima volta sul palco della Filarmonica di Trento, portando di certo, una ventata di aria fresca, di libertà e di stravaganza su questo repertorio. 

 

Per accedere ai concerti è richiesto il Green Pass rafforzato e la mascherina Ffp2 (Qui per informazioni sui biglietti e il programma dettagliato).

 

Programma:

Scuplting the Fabric 

 

T. Merula 

Ballo detto Eccardo 

 

F. Cavalli 

Canzona a 3, "from musiche sacre" 

 

T. Merula 

Ballo detto Gennaro 

 

B. Marini 

Sinfonia Sesto Tuono 

 

C. Monteverdi 

Cor mio non mori? 

 

T. Merula 

Ballo detto Pollicio 

 

B. Marini 

La Zorzi 

 

G.B. Vitali 

Bergamasca, from "Partite sopra diverse sonate" 

 

F. Turini 

Sonata a doi violini. Secondo tuono 

 

M. Crosetto 

Intonazione sopra Giovane donna 

 

A. Gabrielli 

"Giovane donna sott'un verde lauro" 

 

S. Rossi

 Sinfonia 9, Primo libro 

 

A. Falconieri 

Folia

Ultima edizione
Edizione del 25 giugno 2022
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Politica
27 giugno - 13:22
Secondo l’assessore che ha proposto le modifiche si tratta di “qualche polemica ideologica” ma erano oltre 200 i cittadini che hanno [...]
Cronaca
27 giugno - 19:02
Le condizioni dell'uomo erano apparse fin da subito molto gravi, a seguito dell'impatto con la macchina. E' morto poche ore dopo il ricovero in [...]
Cronaca
27 giugno - 16:41
Nonostante la crisi idrica che sta interessando gran parte del nord Italia, a Trento non si parla ancora di una situazione emergenziale per il [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato