Contenuto sponsorizzato

Dai giochi di Cleopatra, ai tempi moderni: Quando con il gioco è più facile imparare

Comincia “Il mese del gioco” alla Libreria Erickson: tanti appuntamenti per i più piccoli, ma anche per i loro genitori e insegnanti. Tre incontri per riappropriarsi del piacere del gioco e cominciare a vivere l’esperienza di apprendimento come gradevole, divertente e coinvolgente
DAL BLOG
Di La Libreria Erickson - 20 ottobre 2017

Un’attenzione particolare è rivolta al mondo dell’infanzia, dei bambini e degli adolescenti. Uno spazio importante è dedicato agli argomenti più delicati come la separazione, l'adozione e a tematiche sociali

I giochi da tavolo hanno una lunga storia, forse anche più della scrittura. É probabile che già Cleopatra giocasse a un gioco chiamato “Senet”, del quale si trovano testimonianze nelle tombe egizie, a riprova che il gioco è insito nell’uomo non solo come passatempo, ma come vero e proprio esercizio di abilità. Secondo molti studi, infatti, giocare non serve solo a divertirsi, ma è anche il miglior modo per conoscersi, confrontarsi, crescere insieme agli altri. Nessuna attività è in grado di motivare all’azione in maniera così forte come il gioco. E possiamo addirittura modificare il funzionamento del nostro cervello… giocando!

 

Sta tutto nella scelta del gioco giusto, quello cioè in grado di stimolare l’insieme dei processi mentali che supervisionano i nostri pensieri, i nostri comportamenti e le nostre azioni, ossia le cosiddette funzioni esecutive. «Le funzioni esecutive sono come tanti gnometti – ci spiega Gianluca Daffi, esperto di psicologia dell’età evolutiva e autore per Erickson della collana Giocare per crescere – che all’interno del nostro cervello lavorano tutti assieme per aiutarci nel portare a termine qualsiasi compito con il quale dobbiamo quotidianamente confrontarci».

 

Perché allora non utilizzare il gioco come modalità per apprendere, per potenziare le proprie abilità, per trovare e condividere strategie, e trasformare la casa e la classe in un ambiente ludico sereno e rassicurante, dove è consentito sbagliare… anzi dove si impara proprio dall’errore? Proprio con questo intento sono stati ideati i tre appuntamenti del ciclo “Gioco, insegno, imparo”: tre incontri per riappropriarsi del piacere del gioco e cominciare a vivere l’esperienza di apprendimento come gradevole, divertente e coinvolgente.

 

“Gioco, insegno, imparo” comincerà sabato 28 ottobre con Desiree Rossi, che parlerà di come è possibile sviluppare i prerequisiti con un gioco semplice e divertente come “Tablotto”. Nel secondo incontro, sabato 11 novembre, con Flavio Fogarolo si scoprirà quanto può essere divertente imparare l’italiano e la matematica con il gioco giusto. Nel terzo e ultimo incontro, sabato 18 novembre, ci sarà occasione di divertirsi con i giochi della serie “Giocare per crescere” ideati da Gianluca Daffi, capendo come sostenere e sviluppare le funzioni esecutive attraverso il gioco.

 

Per chiudere alla grande “Il mese del gioco”, La Libreria Erickson organizza una giornata completamente dedicata al divertimento: “Oggi si gioca!”. Sabato 25 novembre tutti i bambini dai 4 ai 10 anni potranno provare insieme ai loro genitori tantissimi giochi da tavolo divertenti e intelligenti. Tutti gli eventi organizzati dalla Libreria Erickson sono gratuiti, fino a esaurimento dei posti disponibili. Si consiglia di prenotare chiamando lo 0461-993963.

 

di Silvia Martinelli

Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 11 luglio 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

13 luglio - 05:01

L’assestamento di bilancio presentato dalla giunta Fugatti non convince, Rossi: “Pura propaganda, se poi non si stanziano i fondi le grandi opere rimarranno solo sulla carta, gli unici cantieri che sono stati avviati sono collegati alle opere pensate nella scorso legislatura”. Per gli imprenditori le chiusure domenicali provocheranno la fuga dei consumatori verso Bolzano e il Veneto

13 luglio - 10:28

Bologna e Perugia comandano la classifica rispettivamente per “mega” e “grandi” atenei. Unitn prima fra le università di medie dimensioni. Per elaborare la classifica il Censis ha tenuto conto delle strutture disponibili, servizi erogati, borse di studio, livello di internazionalizzazione, comunicazione e occupabilità, ma anche della gestione del lockdown

13 luglio - 09:59

La donna si trovava al rifugio Scoiattolo quando le è entrato nell'orecchio un insetto. Sul posto è intervenuto il soccorso alpino 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato