Contenuto sponsorizzato

La piccola luce accesa ad Avio da Rawda illumina più dei mille roghi razzisti che bruciano in Europa

L'anonimo cadavere di una anonima profuga finita sotto un treno ha avuto un nome, un ricordo, un saluto religioso e civile.  È una bellissima lezione di umanità e di civiltà
DAL BLOG
Di Lorenzo Dellai - 20 gennaio 2017

Eletto presidente della Provincia di Trento per la prima volta nel 1999 resta in carica fino al 2012 quando si dimette per entrare poi alla camera dei deputati con la lista Scelta Civica nel 2013. Oggi è alla guida di Democrazia Solidale

Anche nei periodi più cupi, nei tunnel più lunghi e oscuri, si accendono ogni tanto delle piccole luci. Piccole, certo. Ma si vedono, anche da lontano. Una di queste luci è stata accesa ad Avio, ad opera di quanti, in quella comunità, hanno voluto occuparsi di Rawda.

 

L'anonimo cadavere di una anonima profuga finita sotto un treno ha avuto un nome, un ricordo, un saluto religioso e civile.  È una bellissima lezione di umanità e di civiltà. Una piccola luce che splende più dei mille roghi razzisti che il cinismo scellerato di tanti cattivi maestri accende in tutta Europa. 

 

Mi sento veramente in dovere di dire un grande grazie a chi ha voluto accendere questa luce. Ha reso meno buio e meno lungo il tunnel che ci tocca percorrere. 

Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 05 marzo 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

28 marzo - 05:01

Dopo il post reazionario dell'assessore all'istruzione in tanti ci hanno scritto e contattato chiedendosi perché, invece, non si pensa ad aiutare le famiglie in difficoltà visto che, soprattutto i genitori dei figli più piccoli, sono costretti a improvvisarsi insegnanti. Ma non tutti ci riescono, ogni materia è trasmessa dai maestri e dalle maestre in maniera diversa (c'è chi manda solo i compiti, chi riesce a fare dei video) e cambia tutto da istituto a istituto. Poi ci sono i genitori che non hanno gli strumenti tecnici e quelli culturali e così ogni cosa è affidata al caso e all'iniziativa personale

27 marzo - 19:58

Sono piccoli ma importanti messaggi che fanno ritrovare la forza a tutto il personale sanitario che sta combattendo contro il covid-19 di andare avanti

27 marzo - 20:09

L’intervento di Zeni: “Chi rappresenta l’istituzione provinciale ha il dovere di evitare attacchi fuori luogo a chi rappresenta le persone che si trovano in prima linea per salvare vite, casomai doveva essere la Pat ad attivarsi per tempo per reperire tamponi e Dpi”

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato