Contenuto sponsorizzato

Luci e ombre del mondo del calcio. Tra il mito di Totti e la storia di un talento mancato, alla Festa del cinema si parla di pallone

In due film presentati alla Festa del cinema di Roma si indagano le luci e le ombre del mondo del pallone. A risplendere, nella città che lo ha consacrato tra gli dei del calcio, c'è Francesco Totti, che si racconta al regista Alex Infascelli. Diversa è invece la parabola di Martin Bengtsson, talento svedese comprato dall'Inter che a seguito di problemi fisici ha dovuto metter da parte il suo sogno per dedicarsi alla scrittura
DAL BLOG
Di Marco Consoli - 18 ottobre 2020

Figura poliedrica , tra le tante cose è produttore discografico e di eventi, attore, fotomodello, influencer

Presentati nella sezione ufficiale, a 24 ore di distanza l’uno dall’altro, i film “Mi chiamo Francesco Totti” e “Tigers” raccontano due facce del calcio, quella splendente de "l'ottavo re di Roma", e quella più oscura di un talento acquistato dall'Inter a soli 16 anni, ostacolato nella sua carriera da problemi fisici e da un passato travagliato. La storia di Francesco Totti è una storia di cuore, di legame assoluto ed indissolubile con la propria famiglia e gli amici, con la città di Roma e con la propria gente. La storia di Martin, invece, è una storia di testa, di rapporti familiari problematici, di business, di gelosie, di invidie e di “tentazioni”, in una Milano che può offrire opportunità di successo ma anche favorire problematiche psicologiche. 

 

MI CHIAMO FRANCESCO TOTTI (Regia Alex Infascelli)

 

 

È la notte che precede il suo addio al calcio e Francesco Totti ripercorre tutta la sua vita, come se la vedesse proiettata su uno schermo insieme agli spettatori.  Le immagini e le emozioni scorrono tra momenti chiave della sua carriera, scene di vita personale e ricordi inediti. Un racconto intimo, in prima persona, dello sportivo e dell’uomo.

 

TIGERS (Regia Ronnie Sandahl)

 

Martin è uno dei talenti calcistici più promettenti che la Svezia abbia mai visto.  A sedici anni, il suo sogno di una vita diventa realtà quando viene acquistato da uno dei club più prestigiosi d'Italia, l’Inter. Eppure quel sogno ha un prezzo molto alto in termini di sacrificio, dedizione, pressione e, soprattutto, solitudine.  Martin inizia a chiedersi se questa sia effettivamente la sua vita che ha tanto desiderato. "Tigers" è una corsa sulle montagne russe della vita o della morte nell'industria del calcio moderna. Con una prospettiva unica sul mondo degli sport professionistici, Ronnie Sandahl racconta la vera storia del 16enne prodigio del calcio Martin Bengtsson.  Un dramma di formazione sull'ossessione bruciante di un giovane in un mondo in cui tutto, e tutti, hanno un prezzo.

 

 

Martin Bengtsson (nato nel 1986) è stato uno dei talenti calcistici più promettenti della Svezia e ha debuttato nel massimo campionato svedese con l'Örebro SK all'età di 16 anni. L'anno successivo, è stato venduto al top club italiano Inter. Nove turbolenti mesi dopo, Martin tornò in Svezia e decise di abbandonare lo sport.  Nel 2007 esce la sua autobiografia “All'ombra di San Siro”, uno dei primi reportage dall'interno del mondo del calcio professionistico che ha osato affrontare anche il tema della salute mentale, argomento che da allora è diventato sempre più riconosciuto, e urgente - un sondaggio del sindacato dei giocatori professionisti FIFPRO ha mostrato che il 38% dei giocatori attivi soffre di ansia e / o depressione. Dopo la fine della sua carriera calcistica, Martin ha studiato composizione letteraria e scrittura drammatica e oggi lavora come autore, sceneggiatore e drammaturgo.

 


 

ALL'OMBRA DI SAN SIRO

 

"Ho scritto 'All'ombra di San Siro' (2007) quando avevo 19 anni - spiega Bengtsson - il libro parla delle mie esperienze nel calcio professionistico.  È la storia di come un sogno durato tutta la vita si sia trasformato in un incubo e delle circostanze esterne e dei processi interni che, combinati, hanno portato alla depressione e a un esaurimento nervoso. Con il libro ho voluto puntare i riflettori sulle norme distruttive a cui sono soggetti i ragazzi, oltre a dare alle persone uno sguardo nel mondo glorificato, ma strettamente chiuso, del calcio professionistico internazionale. Volevo approfondire la discussione e il dibattito sui problemi di salute mentale negli sport professionistici e sottolineare i rischi di essere trasformato in una merce in giovane età. Allo stesso tempo, è la storia di un sogno, di disciplinarsi per raggiungere un obiettivo e realizzare quel sogno.  Del sentimento di possibilità che l'esperienza porta con sé, che a sua volta lascia spazio ad altri sogni, un desiderio di esplorare altre aree della vita".

 

 

Ultima edizione
Edizione del 2 dicembre 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
03 December - 16:06
Sono stati analizzati 9.682 tamponi tra molecolari e antigenici. Registrati 176 positivi e 0 decessi. Ci sono 60 persone ricoverate in [...]
Cronaca
03 December - 14:10
Gli ordini dei medici, dei farmacisti e delle professioni infermieristiche sostengono la maratona vaccinale: "Siamo a diposizione, aderire alla [...]
Cronaca
03 December - 13:04
I carabinieri del Nucleo anti-sofisticazioni hanno portato avanti numerosi controlli sul suolo nazionale scoprendo 281 tra medici e sanitari non [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato