Contenuto sponsorizzato

Biofarmaci per fermare il mal dell'esca e ila morte delle viti

La malattia è provocata da un insieme composito di funghi patogeni provoca il deterioramento del legno e il deperimento delle viti seguito da morte lenta o improvvisa
DAL BLOG
Di Sergio Ferrari - 16 aprile 2019

 Laureato in Scienze Agrarie all'Università di Padova, dal 1961 al 1994 è stato docente all'Istituto Agrario di San Michele. Ha vinto la Penna d'Oro nel 1988

Remedier o Patriot e Vintec sono i nomi commerciali di due agrofarmaci a base di Trichoderma asperellum e Trichoderma gamsii e di Trichoderma atroviride ceppo SC1.

 

I principi attivi sono rappresentati da funghi selezionati in laboratorio, attivi in sede preventiva contro il mal dell’esca della vite.

 

La malattia provocata da un insieme composito di funghi patogeni provoca il deterioramento del legno e il deperimento delle viti seguito da morte lenta o improvvisa.

 

Nel secondo caso si parla di apoplessia o di colpo apoplettico.

 

Si sa da sempre che spore e micelio delle varie specie di fungo agenti del mal dell’esca penetrano nelle viti attraverso ferite di potatura o da taglio.

 

Entrambi i formulati devitalizzano il patogeno nella fase di penetrazione.

 

I prodotti vanno distribuiti in sospensione acquosa subito dopo la potatura delle viti.

 

Il trattamento preventivo va eseguito iniziando dai primi anni di età del vigneto. 

Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.34 del 19 Ottobre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

20 ottobre - 19:21

Fototrappolato dal forestale Tommaso Borghetti pochi giorni fa sui Lessini il maschio alfa giunto dalla Slovenia e unitosi alla femmina alfa (li si riconosce perché alzano la zampa entrambi per segnare il territorio GUARDA I VIDEO) nel 2012 spiega come la dispersione sia il segreto del successo di questi animali. ''Uno dei suoi figli nati sulle nostre montagne è stato avvistato in Slovenia. Ha fatto il percorso inverso a lui, mentre una femmina, sempre slovena, è arrivata a Paneveggio''

20 ottobre - 18:50

I sinistri a catena si sono verificati all'altezza dello svincolo che dalla strada che da Dermulo va verso Sanzeno gira per Coredo

20 ottobre - 16:05

L'uomo, un 35enne del Centro Italia, andava spesso in Val Rendena in vacanza. Poi si armava di zainetto e scarpe da trekking e invece che andare per funghi o mirtilli raggiungeva le sue piante di cannabis

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato