Contenuto sponsorizzato

Cinghiali, immessi dai cacciatori ora sono fuori controllo e si chiede l'aiuto dei forestali

Dal mondo degli allevatori si eleva la richiesta alle autorità provinciali di ridare ai forestali il compito di attuare una caccia selettiva visto l'insufficiente controllo effettuato dai cacciatori
DAL BLOG
Di Sergio Ferrari - 23 novembre 2018

 Laureato in Scienze Agrarie all'Università di Padova, dal 1961 al 1994 è stato docente all'Istituto Agrario di San Michele

Durante l’inverno i cinghiali non cambiano regime alimentare ma solo i luoghi di approvvigionamento del cibo rappresentato da bulbi, radici, lombrichi e insetti. Nella ricerca scavano con il grugno il cotico erboso di prati e pascoli. I
cinghiali occupano ormai l’intero territorio trentino.

 

Le ultime segnalazioni provengono dai due versanti del monte Baldo che confinano con la provincia di Verona. E’ certo però che all’origine dell’insediamento c’è l’immissione di cinghialetti d’allevamento allo scopo di favorire l’attività venatoria. La presenza di cinghiali in qualche zona ha superato la soglia di tolleranza.

 

Dal mondo degli allevatori si eleva la richiesta alle autorità provinciali di ridare ai forestali il compito di attuare una caccia selettiva. L’istanza trae motivo dalla ormai accertata insufficienza del controllo effettuato dalle sezioni cacciatori.

Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 27 maggio 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

28 maggio - 11:06

Il Trentino non è ancora uscito dall’emergenza sanitaria, il matematico del Cnr Sebastiani: “Lombardia, Liguria, Piemonte e la provincia di Trento, tornano a preoccupare, qui i valori dell'incidenza vanno da 1,6 a 3,4 nuovi casi al giorno per 100.000 abitanti, situazioni che andranno monitorate con attenzione”

28 maggio - 13:20

Descritto dalla Provincia di Bolzano come uno degli ''artisti più eclettici della sua generazione'' Patrick Trentini ha prima scritto una lettera a Mirko Bisesti e poi fatto un video tutto da vedere dove mostra l'incredibile gaffe compiuta dall'assessore alla cultura e all'istruzione raccontandola alla sua maniera (per una sensazione finale che si avvicina al tragicomico)

28 maggio - 12:55

Le investigazioni sono state condotte con i metodi classici,  attraverso una serie di delicati servizi di osservazione e pedinamento poiché il ragazzo, per non essere individuato, era solito cambiare continuamente le aree di incontro: evitava di ripetere luoghi e orari degli appuntamenti per cercare di passare inosservato

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato