Contenuto sponsorizzato

Cinghiali, immessi dai cacciatori ora sono fuori controllo e si chiede l'aiuto dei forestali

Dal mondo degli allevatori si eleva la richiesta alle autorità provinciali di ridare ai forestali il compito di attuare una caccia selettiva visto l'insufficiente controllo effettuato dai cacciatori
Dal blog di Sergio Ferrari - 23 novembre 2018 - 21:25

Durante l’inverno i cinghiali non cambiano regime alimentare ma solo i luoghi di approvvigionamento del cibo rappresentato da bulbi, radici, lombrichi e insetti. Nella ricerca scavano con il grugno il cotico erboso di prati e pascoli. I
cinghiali occupano ormai l’intero territorio trentino.

 

Le ultime segnalazioni provengono dai due versanti del monte Baldo che confinano con la provincia di Verona. E’ certo però che all’origine dell’insediamento c’è l’immissione di cinghialetti d’allevamento allo scopo di favorire l’attività venatoria. La presenza di cinghiali in qualche zona ha superato la soglia di tolleranza.

 

Dal mondo degli allevatori si eleva la richiesta alle autorità provinciali di ridare ai forestali il compito di attuare una caccia selettiva. L’istanza trae motivo dalla ormai accertata insufficienza del controllo effettuato dalle sezioni cacciatori.

Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 21 febbraio 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

23 febbraio - 05:01

L'assessore all'Istruzione delinea le coordinate della riforma: ''Punteremo sull'apprendimento linguistico in tenera età e sulla valorizzazione delle competenze dei professori''

22 febbraio - 19:39

Nuova riunione del Comitato per l'ordine pubblico e la sicurezza. Presenti i sindaci di Castelfondo e Vallarsa e l'esperto dell'Ispra Genovesi. Vagliate diverse soluzioni: "Nessun abbattimento''

22 febbraio - 18:19

Il presidente del Consiglio provinciale allo stesso tavolo con Fugatti durante l'incontro a Vigolo Vattaro. Ghezzi: "Intaccata la sua credibilità istituzionale". Rossi: "Dorigatti non lo avrebbe mai fatto". Marini: "Questa volta ha esagerato"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato