Contenuto sponsorizzato

Dalla distribuzione del miele alla riserva del genoma, rivalutate le funzione dei fuchi

Il ruolo dei fuchi si sta rivalutando in seguito a nuove esperienze e studi. E’ vero che soprattutto all’inizio i fuchi mangiano molto miele
DAL BLOG
Di Sergio Ferrari - 13 gennaio 2020

 Laureato in Scienze Agrarie all'Università di Padova, dal 1961 al 1994 è stato docente all'Istituto Agrario di San Michele

Nel gruppo di esperti della Fondazione Mach che si occupano di apicoltura è entrato all’inizio del nuovo anno un giovane dottorando di ricerca che nel prossimo triennio si occuperà di fuchi, cioè dei maschi delle api.

 

Le loro caratteristiche anatomiche ed il comportamento all’interno dell’alveare, dice Paolo Fontana coordinatore del gruppo, giustificano in parte la nomea di pigroni e di mangiatori a ufo di miele che finora è stata loro attribuita.

 

Il ruolo dei fuchi si sta rivalutando in seguito a nuove esperienze e studi. E’ vero che soprattutto all’inizio i fuchi mangiano molto miele.

 

Ma da adulti svolgono attività molto utili alla famiglia delle api. Riscaldano la covata, raccolgono il nettare dalle api operaie e lo distribuiscono ad altre api.

 

Alla funzione primaria di fecondatori delle regine si aggiunge il ruolo di riserva del genoma della razza.

 

Il dottorando di ricerca approfondirà queste ed altre funzioni svolte dai fuchi e studierà i modi per regolare la loro presenza numerica nell’alveare. In una famiglia forte i fuchi rappresentano il 5-10%.

Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 26 gennaio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

26 gennaio - 20:37

Sono 252 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 36 pazienti sono in terapia intensiva e 43 in alta intensità. Oggi sono stati comunicati 7 decessi, mentre sono 23 i Comuni con almeno 1 nuovo caso di positività

26 gennaio - 18:51

Cgil, Cisl e Uil: “Mentre in altre realtà si adottavano misure più restrittive per contenere l’avanzata del virus tra la popolazione e mettere in sicurezza il sistema sanitario, il presidente Fugatti nascondeva i dati, preferendo puntare il dito contro i 'presunti virologi' e ignorando l’allarme che arrivava dai medici in prima linea"

26 gennaio - 18:14
Nelle ultime 24 ore sono state comunicate anche 114 positività a conferma dei test antigenici effettuati nei giorni scorsi. Sono state registrate 15 dimissioni e 197 guarigioni
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato