Contenuto sponsorizzato

Elettropesca e cattura temporanea, parte il censimento della fauna ittica dell'Adige per un'analisi della purezza della trota marmorata

L’indagine è stata fatta per la prima volta nel 2012 ed è stata ripetuta nel 2015. L’operazione richiede la presenza di 5 persone sulla barca e di un numero non inferiore di operatori che prestano assistenza da terra lungo l’intero percorso
DAL BLOG
Di Sergio Ferrari - 26 febbraio 2020

 Laureato in Scienze Agrarie all'Università di Padova, dal 1961 al 1994 è stato docente all'Istituto Agrario di San Michele

Durante il mese di marzo 2020 gli addetti all'Ufficio faunistico del Servizio foreste e fauna della province di Trento e di Bolzano eseguiranno un censimento della fauna ittica presente nella parte centrale della corrente del fiume Adige lungo un percorso in barca attrezzata compreso tra Salorno e Rovereto.

 

L’indagine è stata fatta per la prima volta nel 2012 ed è stata ripetuta nel 2015. L’operazione richiede la presenza di 5 persone sulla barca e di un numero non inferiore di operatori che prestano assistenza da terra lungo l’intero percorso.

 

Gli ittiologi che operano sulla barca si avvalgono di attrezzi da elettropesca che attraggono i pesci e consentono la loro cattura temporanea con guadino.

 

La fascia del sondaggio è larga 5 metri. Tutti i pesci catturati temporaneamente vengono classificati e misurati.

 

Agli esemplari di trota marmorata si preleva un frammento di pinna dorsale che serve per l’analisi del Dna. Risulta utile infatti stabilire il grado di purezza genetica della trota marmorata.

 

In altri corsi d’acqua, meno nel fiume Adige, dice l’ittiologo trentino Leonardo Pontalti, sono infatti numerosi gli esemplari ibridi mormorata per trota fario

Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 24 ottobre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

26 ottobre - 06:10

Da inizio ottobre i ricoveri negli ospedali sono tornati ad aumentare e nelle Rsa la situazione è drammatica. Il presidente dell'Ordine degli Infermieri spiega: "I ricoveri stanno aumentano e così anche i bisogni dei pazienti. Ci preoccupano le settimane e i mesi difficili che ci troviamo davanti perché gli infermieri sono sfiniti e provati"

25 ottobre - 20:30

Se le incertezze sono tante, tantissime, e il momento è delicato per l'emergenza Covid-19, le parole del presidente Maurizio Fugatti non aiutano a chiarire nulla o quasi. Non si capisce il senso di una conferenza stampa convocata in questo modo e di questo tenore per spiegare quanto succede in Trentino alla luce dell'ultimo Dpcm del premier Giuseppe Conte

25 ottobre - 20:07

Sono state poi registrate 12 positività tra bambini e ragazzi in età scolare e sono in corso le verifiche per procedere alla quarantena di altre classi, che attualmente riguarda 122 unità

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato