Contenuto sponsorizzato

Esperti della Provincia in Svizzera per studiare gli effetti del tornado Vivian del 1990

Scopo della visita era di osservare da vicino i risultati ottenuti a distanza di 30 anni dall’evento calamitoso in tre zone sperimentali gestite in modo sostanzialmente diverso. Ecco cosa è emerso
Dal blog di Sergio Ferrari - 21 maggio 2019 - 20:23

Una comitiva di 13 funzionari e tecnici del Servizio foreste e fauna della Provincia di Trento si è recata per qualche giorno in Svizzera avendo come meta la valle di Medel situata nel Canton Grigioni colpita nel 1990 da un devastante tornado denominato Vivian che ha distrutto gran parte dei boschi di conifere del distretto forestale di Lucomagno.

 

Scopo della visita era di osservare da vicino i risultati ottenuti a distanza di 30 anni dall’evento calamitoso in tre zone sperimentali gestite in modo sostanzialmente diverso.

 

Nessun intervento; esbosco e attesa di ripristino naturale del soprassuolo; applicazione di tutti gli interventi previsti da protocollo accompagnati da ripopolamento assistito.

 

Il risultato migliore (ripristino completo del bosco) è stato ottenuto nella terza tesi sperimentale.

Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 25 giugno 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

26 giugno - 22:13

Dopo una mattinata dedicata alle celebrazioni in onore di San Vigilio, la Disfida regala ancora un grande spettacolo prima dei fuochi d'artificio a chiudere la kermesse numero trentasei

26 giugno - 21:03

Dal Comune all'Apt, da Trentino Marketing alla Provincia, c'è grande amarezza per il passo indietro dei giallorossi a 72 ore dal raduno. Si valutano quali clausole dell'accordo salvare, ma le penali si aggirano intorno ai 400 mila euro, cioè il costo del ritiro, che sarebbe stato quattro volte tanto rispetto a due anni fa 

26 giugno - 17:12

A Rovereto sono stati raggiunti quasi i 38 gradi ma per colpa dell'umidità la temperatura percepita è più alta. Fridays For Future Trento propone un appello di 5 punti su cui basare le conseguenti azioni: formazione, stop alle grandi opere, stop alla cementificazione incontrollata, tutela dei beni comuni e riduzione dell'uso dei pesticidi.

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato