Contenuto sponsorizzato

Fiori e piante ornamentali, il calo di vendite preoccupa il settore

Sono due i motivi principali che portano al calo di vendite di fiori e piante ornamentali: il cambio di generazione e l'umore della gente, sempre più insoddisfatta della situazione economica e del futuro
DAL BLOG
Di Sergio Ferrari - 03 febbraio 2019

 Laureato in Scienze Agrarie all'Università di Padova, dal 1961 al 1994 è stato docente all'Istituto Agrario di San Michele

Quali specie e varietà di fiori e di piante ornamentali coltivano i floricoltori trentini nei primi mesi dell’anno nuovo? Viole tricolori e primule sono già in coltivazione, dice Paolo Passerini floricoltore professionale di Brentonico.

 

Il lavoro si concentra sulle specie da mettere in vendita in marzo e aprile quali gerani, surfinie e diplovasia (di recente introduzione) e su quelle estive da appartamento, giardino e ornamentali per ambiente domestico ed urbano.

 

Purtroppo, dice Passerini, a preoccupare è il calo degli acquisti dovuti a due motivi: il cambio di generazione e l’umore della gente insoddisfatta e malcontenta della situazione economica attuale e dell’immediato futuro.

 

I giovani non acquistano fiori. Ad innescare un processo di ritorno all’amore per i fiori e le piante da ornamento o da orto potrà servire l’attività educativa che si sta portando avanti in alcune scuole. 

Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 27 maggio 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

28 maggio - 11:06

Il Trentino non è ancora uscito dall’emergenza sanitaria, il matematico del Cnr Sebastiani: “Lombardia, Liguria, Piemonte e la provincia di Trento, tornano a preoccupare, qui i valori dell'incidenza vanno da 1,6 a 3,4 nuovi casi al giorno per 100.000 abitanti, situazioni che andranno monitorate con attenzione”

28 maggio - 13:20

Descritto dalla Provincia di Bolzano come uno degli ''artisti più eclettici della sua generazione'' Patrick Trentini ha prima scritto una lettera a Mirko Bisesti e poi fatto un video tutto da vedere dove mostra l'incredibile gaffe compiuta dall'assessore alla cultura e all'istruzione raccontandola alla sua maniera (per una sensazione finale che si avvicina al tragicomico)

28 maggio - 12:55

Le investigazioni sono state condotte con i metodi classici,  attraverso una serie di delicati servizi di osservazione e pedinamento poiché il ragazzo, per non essere individuato, era solito cambiare continuamente le aree di incontro: evitava di ripetere luoghi e orari degli appuntamenti per cercare di passare inosservato

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato