Contenuto sponsorizzato

Fitofarmaci: la Giunta entro aprile doveva specificare le distanze da case e strade per i trattamenti

La delibera non è stata ancora approvata. In provincia di Bolzano un provvedimento pari oggetto è in vigore dal luglio di 3 anni fa. Aperture dall'Alto Adige per gli impianti denominati frutteti multiasse semipedonabile o pedonabile della Fondazione Mach
DAL BLOG
Di Sergio Ferrari - 24 novembre 2016

 Laureato in Scienze Agrarie all'Università di Padova, dal 1961 al 1994 è stato docente all'Istituto Agrario di San Michele

Nella primavera del 2016 la Giunta provinciale di Trento anche su richiesta del Consiglio delle autonomie si era impegnata a emanare entro il mese di aprile una delibera contenente indicazioni delle distanze da rispettare nell’esecuzione di trattamenti antiparassitari rispetto a case di abitazione, strade interurbane e piste ciclabili. Le distanze da luoghi sensibili, quali asili, parchi pubblici, scuole e case di cura sono già previste dal Piano di azione nazionale.

 

L’integrazione da parte dell’esecutivo doveva rappresentare una misura in più rispetto al piano di recepimento della direttiva CE 128/2009. La delibera non è stata ancora approvata. In provincia di Bolzano un provvedimento pari oggetto è in vigore dal luglio di 3 anni fa. 

 

E proprio a Bolzano qualcosa potrebbe muoversi per quanto riguarda le innovazioni sulla frutticultura. I primi impianti di meli biasse indicati con la sigla Bibau sono stati realizzati 11 anni fa dal vivaista Mazzoni di Bologna. Alberto Dorigoni esperto di frutticoltura della Fondazione Mach ha sviluppato la nuova proposta realizzando un modello di impianto denominato frutteto multiasse semipedonabile o pedonabile secondo le distanze adottate sulla fila e nell’interfilare.

 

I tecnici della Stazione sperimentale di Laimburg non hanno mai dimostrato interesse per la tecnica innovativa e quelli del Centro di consulenza per la frutticoltura dell’Alto Adige non avevano mai finora incentivato l’adozione del nuovo metodo di impianto nel territorio altoatesino. I componenti di una delegazione che è scesa da Bolzano per visitare gli impianti di Maso delle Parti di Mezzolombardo sono rimasti bene impressionati della novità ed hanno apprezzato i vantaggi che il sistema di impianto consente di raggiungere. 

Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 30 novembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

30 novembre - 20:20

Sono 459 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 44 pazienti sono in terapia intensiva e 49 in alta intensità. Sono stati trovati 176 positivi a fronte dell'analisi di 740 tamponi​ molecolari per un rapporto contagi/tamponi al 23,8%

30 novembre - 20:31

Un'operazione un po' diversa rispetto al modello di screening di massa altoatesino, ma comunque un'attività a più ampio raggio per cercare di interrompere il prima possibile eventuali catene di contagio attraverso una serie di test antigenici. E' necessaria l'impegnativa del medico di base per portare effettuare il tampone

30 novembre - 19:37

La proposta è quella degli skipass solo a chi pernotta almeno 1 notte in una struttura oppure le persone che possiedono o mettono in affitto una seconda casa. Dura la Cgil, Stefano Montani: "Ennesima estemporanea uscita di Failoni, una proposta che almeno ha il pregio di far sorridere, magari amaramente, ma pur sempre sorridere. L'assessore in cerca di facile pubblicità la smetta di ragionare da albergatore e inizi a farlo da assessore"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato