Contenuto sponsorizzato

I droni vengono utilizzati in Veneto e Emilia-Romagna, ma non convincono gli agricoltori trentini

Duplice lo scopo dell'utilizzo di droni: segnalare la presenza nella pianta del batterio che provoca il cancro del legno e monitorare il carico di frutti pendenti nelle varie fasi di sviluppo
Dal blog di Sergio Ferrari - 19 maggio 2019 - 21:13

Viticoltori e frutticoltori di tutte le zone del Trentino sono impegnati nella difesa contro peronospora e oidio sulle viti e ticchiolatura sui meli.

 

E’ quindi motivata la domanda rivolta a Rino Goller, dirigente della società Metacortex che produce droni da utilizzare nella programmazione di interventi fitosanitari ed agronomici basati su rilevamento di parametri riferiti allo sviluppo vegetativo delle piante e alle condizioni macro e microclimatiche.

 

Siete riusciti a concludere accordi di collaborazione con cooperative agricole o operatori singoli in Trentino? La risposta è per il momento negativa, nonostante ripetuti contatti. Metacortex ha invece stabilito rapporti di collaborazione con una cooperativa viticola del Veneto (Colli Euganei) per una prova di difesa guidata contro la peronospora.

 

E’ in corso la collaborazione con un consorzio ortofrutticolo dell’Emilia-Romagna riguardante l’impiego di droni su una estesa superficie coltivata a kiwi.

 

Duplice lo scopo: segnalare la presenza nella pianta del batterio che provoca il cancro del legno e monitorare il carico di frutti pendenti nelle varie fasi di sviluppo. 

Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 19 agosto 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

20 agosto - 16:02

A Roma si consuma la crisi di governo aperta dal leader della Lega e vice premier Matteo Salvini. Conte entra durissimo: "E' contraddittorio il comportamento di una forza politica, che presenta una mozione di sfiducia e non ritira i ministri. La cultura delle regole e il rispetto delle istituzioni non si improvvisano. Pericoloso e preoccupante chiedere pieni poteri e invocare le piazze"

20 agosto - 17:09

Dopo Giuseppe Conte e Matteo Salvini arriva l'intervento di Matteo Renzi. "Il vice premier non conosce il diritto e la costituzione dopo 26 anni pagato dai contribuenti per incarichi pubblici. E' andato al governo con il 17%, un governo che ha fallito anche per sua responsabilità"

20 agosto - 16:35

Dopo il discorso del presidente del consiglio la replica del ministro degli interni è stata fiacca e sentita più e più volte. Ancora una volta i riferimenti alla Madonna, alla fede e la citazione di Papa Giovanni Paolo II

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato