Contenuto sponsorizzato

I droni vengono utilizzati in Veneto e Emilia-Romagna, ma non convincono gli agricoltori trentini

Duplice lo scopo dell'utilizzo di droni: segnalare la presenza nella pianta del batterio che provoca il cancro del legno e monitorare il carico di frutti pendenti nelle varie fasi di sviluppo
DAL BLOG
Di Sergio Ferrari - 19 maggio 2019

 Laureato in Scienze Agrarie all'Università di Padova, dal 1961 al 1994 è stato docente all'Istituto Agrario di San Michele

Viticoltori e frutticoltori di tutte le zone del Trentino sono impegnati nella difesa contro peronospora e oidio sulle viti e ticchiolatura sui meli.

 

E’ quindi motivata la domanda rivolta a Rino Goller, dirigente della società Metacortex che produce droni da utilizzare nella programmazione di interventi fitosanitari ed agronomici basati su rilevamento di parametri riferiti allo sviluppo vegetativo delle piante e alle condizioni macro e microclimatiche.

 

Siete riusciti a concludere accordi di collaborazione con cooperative agricole o operatori singoli in Trentino? La risposta è per il momento negativa, nonostante ripetuti contatti. Metacortex ha invece stabilito rapporti di collaborazione con una cooperativa viticola del Veneto (Colli Euganei) per una prova di difesa guidata contro la peronospora.

 

E’ in corso la collaborazione con un consorzio ortofrutticolo dell’Emilia-Romagna riguardante l’impiego di droni su una estesa superficie coltivata a kiwi.

 

Duplice lo scopo: segnalare la presenza nella pianta del batterio che provoca il cancro del legno e monitorare il carico di frutti pendenti nelle varie fasi di sviluppo. 

Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 03 giugno 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

04 giugno - 06:02

Dopo aver scoperto in diretta dall'annuncio del presidente Fugatti che i servizi all'infanzia avrebbero riaperto (praticamente solo per 5 settimane o poco più) si è scatenato il caos tra gli addetti ai lavori trattati alla stregua di ''parcheggiatori'' di bambini. Ieri sono arrivate le linee guida ma le lettere di due istituti della Valsugana dimostrano quanta poca condivisione ci sia stata in questa fase da parte della Giunta con i dirigenti che arrivano a consigliano ai genitori di valutare attentamente il reinserimento dei loro bambini

04 giugno - 08:34

E' successo in una spiaggia di Riva del Garda, ad intervenire sono stati gli agenti di polizia che hanno accompagnato il soggetto in commissariato 

03 giugno - 17:15

Il rifugio è fra le mete più apprezzate dagli amanti delle escursioni in montagna, sia a piedi sia in mountain bike. In attesa del nuovo edificio, per non interrompere la frequentazione di questo polo di attrazione il Dipartimento edilizia pubblica ha fatto realizzare casette provvisorie in legno con annessi servizi igienici per consentire il pernottamento degli escursionisti. Bessone: ''Mi fa piacere che a realizzarlo siano due imprese locali, entrambe di Moso in Passiria''

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato