Contenuto sponsorizzato

Il luccio di Santa Colomba sarà portato in quota, un predatore importante per l'equilibrio biologico

Apprezzato per la delicatezza della carne svolge un importante ruolo di predatore nei confronti di altre specie di pesci e quindi contribuisce al mantenimento dell’equilibrio biologico dell’ecosistema nel quale vive
DAL BLOG
Di Sergio Ferrari - 28 giugno 2020

 Laureato in Scienze Agrarie all'Università di Padova, dal 1961 al 1994 è stato docente all'Istituto Agrario di San Michele

Il luccio è presente in molti laghi del Trentino. Apprezzato per la delicatezza della carne svolge un importante ruolo di predatore nei confronti di altre specie di pesci e quindi contribuisce al mantenimento dell’equilibrio biologico dell’ecosistema nel quale vive.

 

Due ittiologi italiani hanno scoperto tramite analisi genomica che ci sono due ceppi di luccio: europeo e italiano.

 

Da questa scoperta è nata da parte degli ittiologi dell’Ufficio faunistico della Provincia di Trento l’idea di selezionare all’interno della popolazione di lucci presenti nei laghi del Trentino un ceppo particolarmente pregiato che si trova nel lago di Santa Colomba sopra Civezzano.

 

In collaborazione con l’associazione pescatori sportivi del distretto di Trento l’ittiologo Leonardo Pontalti preleverà dal lago di Santa Colomba alcuni esemplari giovani di luccio che saranno trasferiti nei laghi di Lamar sopra Terlago per seguirne lo sviluppo e separare gli esemplari ritenuti migliori da riprodurre secondo rigidi criteri selettivi.

 

Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 24 novembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

25 novembre - 17:28

Il Pibe de Oro si è spento mercoledì 25 novembre a 60 anni a causa di un arresto cardiorespiratorio

25 novembre - 16:22

Fugatti valuta se riaprire le scuole dopo il 3 dicembre, ma avverte: “Se il Governo nel suo Dpcm prevede che non si possano aprire noi dobbiamo adeguarci anche se siamo una Provincia autonoma”. Ruscitti assicura che anche i test antigenici vengono tenuti in considerazione per mettere le classi in quarantena e che le scuole sono tenute informate delle positività

25 novembre - 17:04

Sulle piste da sci Piemonte, Valle d’Aosta, Lombardia, Bolzano, Trento, Veneto e Friuli-Venezia Giulia, chiedono un passo indietro al Governo: “Senza l’apporto della stagione invernale per la montagna è il disastro totale. Chiudere durante le festività natalizie significherebbe pregiudicare irrimediabilmente l’intera stagione”

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato