Contenuto sponsorizzato

Il ministero ha approvato il Fondo mutualistico salva-reddito del comparto mele

Vi hanno aderito i titolari di oltre 2000 aziende frutticole che totalizzano complessivamente 5.482 ettari corrispondenti al 60,9% della superficie coltivata a melo del Trentino
DAL BLOG
Di Sergio Ferrari - 07 dicembre 2019

 Laureato in Scienze Agrarie all'Università di Padova, dal 1961 al 1994 è stato docente all'Istituto Agrario di San Michele

Il Ministero dell’Agricoltura ha approvato il regolamento di attuazione del fondo mutualistico per la stabilizzazione del reddito nel comparto mele predisposto dal Codipra.

 

Potrà quindi essere applicato già entro la stagione 2019. Il fondo ha lo scopo di integrare il reddito nel caso di calo conseguente all’andamento sfavorevole di mercato.

 

Vi hanno aderito i titolari di oltre 2000 aziende frutticole che totalizzano complessivamente 5.482 ettari corrispondenti al 60,9% della superficie coltivata a melo del Trentino.

 

Per aderire al fondo i singoli sottoscrittori hanno versato un contributo costituito dallo 0,5% del valore assicurato più il 4% del premio più 150 euro a ettaro.

 

La messa a punto del sistema di calcolo del mancato reddito ha richiesto 3 anni di lavoro da parte di un gruppo di docenti dell’Università di Padova

Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 18 gennaio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

19 gennaio - 15:20

Enorme cordoglio in Trentino, così come in tutto il mondo alpinistico. Si è spento Cesare Maestri, il "Ragno delle Dolomiti"

19 gennaio - 13:22

I compagni di uscita hanno immediatamente interessato il Numero unico per le emergenze, ma si sono anche subito dati da fare per localizzare l'amico. In azione anche l'elicottero e le unità del soccorso alpino. Gli sportivi tutti dotati di Artva, pala e sonda

19 gennaio - 11:22

C'è un peggioramento per quanto riguarda la situazione negli ospedali. Oltre 7 mila test eseguiti in 24 ore tra tamponi molecolari e test antigenici. Sono 526 le vittime nella seconda ondata 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato