Contenuto sponsorizzato

Il rame è stato limitato, arrivano nuovi formulati per la viticoltura

La recente limitazione della quantità massima di rame da utilizzare in viticoltura ha indotto le ditte produttrici di agrofarmaci a mettere a punto e proporre già dalla stagione in corso nuovi formulati a base dell’elemento che si usa dalla seconda metà dell’800
Dal blog di Sergio Ferrari - 14 aprile 2019 - 21:55

La recente limitazione della quantità massima di rame da utilizzare in viticoltura ha indotto le ditte produttrici di agrofarmaci a mettere a punto e proporre già dalla stagione in corso nuovi formulati a base dell’elemento che si usa dalla seconda metà dell’800.

 

Merita segnalazione a titolo dimostrativo un prodotto che figura nel catalogo 2019 della ditta Manica di Rovereto. Si tratta di Codimur M a base di rame e mancozeb.

 

Il prodotto non potrà essere utilizzato dai viticoltori trentini che aderiscono al disciplinare di produzione Sqnpi che esclude dalla difesa antiperonosporica l’uso di ditiocarbammati.

 

Potrà invece essere impiegato senza riserve il nuovo formulato della Biogard denominato Heliocuivre.

 

Si tratta di un anticrittogamico rameico a base terpenica che contiene, oltre al rame idrossido, alcoli terpenici ottenuti da resine di conifere che migliorano l’adesività e la persistenza del prodotto irrorato sulle viti. 

Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 15 giugno 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

16 giugno - 15:21
La comitiva si sarebbe costruita una teleferica in autonomia e dopo aver ancorato i cavi agli alberi avrebbero tentato di utilizzare la loro creazione. Il gruppo di tedeschi non avrebbe fatto i conti con un albero marcio e così la teleferica ha ceduto
16 giugno - 18:26

Vendute a Dubai, Mumbai, Miami ma nate e prodotte ad Arco dalla Vetrogiardini hanno portato Sandro Santoni e Luca Degara a Roma per la Festa della Repubblica sono state inserite fra i 32 oggetti di design che rappresentano il genio e l’eccellenza italiana

16 giugno - 17:14

E' il 2 ottobre 1922 e le squadracce fasciste invadono le aule del municipio di Bolzano apponendo nella sala consiliare il busto di Vittorio Emanuele III re d’Italia. Per il Trentino s’apre un’epoca di insofferenza verso la mancata autonomia, l’Alto Adige finisce per trasformarsi in un ''laboratorio d’Italia''

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato