Contenuto sponsorizzato

Il seme sessato nelle stalle trentine, così è più facile avere femmine

Il Dna viene colorato ed è visibile negli spermatozoi. Caricati elettricamente gli spermatozoi maschili si separano da quelli femminili. Ma il tutto costa 30 euro in più a dose rispetto a quello convenzionale
DAL BLOG
Di Sergio Ferrari - 04 ottobre 2016

 Laureato in Scienze Agrarie all'Università di Padova, dal 1961 al 1994 è stato docente all'Istituto Agrario di San Michele

L’uso del seme sessato per ingravidare bovine da latte sta prendendo piede nelle stalle trentine. Ma come si ottiene il seme sessato? Lo spiega Giovanni Frisanco, tecnico della Federazione allevatori della provincia di Trento. Nell’eiaculato seminale di un toro da riproduzione si trovano spermatozoi che contengono una diversa quantità di Dna. Maggiore negli spermatozoi che contengono il cromosoma Y femminile, minore in quelli con il cromosoma X maschile.

 

Il Dna viene colorato con una sostanza marcante che rende diversamente visibili i due tipi di spermatozoi. Il materiale viene successivamente caricato elettricamente e, in base alla diversa polarità acquisita, si possono separare gli spermatozoi maschili da quelli femminili e dagli indifferenti che non hanno assunto la carica. Usando seme con soli spermatozoi Y, cioè femminili, si ha una elevata probabilità che il vitello che nasce sia femmina. Nella stalla nasceranno quindi più vitelli femmina da destinare alla rimonta. Il sistema è coperto da brevetto e ciò comporta una maggiorazione di prezzo: 40-45 euro a dose rispetto ai 15 per una dose di seme convenzionale. 

Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 28 ottobre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

28 ottobre - 20:06

Il Partito democratico: "Quello che ci dispiace è che in un momento così delicato come quello che stiamo attraversando Fugatti agisca in modo propagandistico invece che responsabile". I sindacati: "L'aspetto più grave è che saranno le imprese e i lavoratori a pagare le conseguenze di questa situazione di totale indeterminatezza"

28 ottobre - 20:47

La serrata francese scatta da giovedì 29 ottobre al 1 dicembre. Solo oggi sono stati registrati 69.854 nuovi casi, 767 decessi, 2.821 ricoveri e 372 in terapia intensiva. Forte crescita dei contagi anche in Germania, un mese di "lockdown soft"

28 ottobre - 18:46

Nelle ultime 24 ore sono stati trovati 191 positivi a fronte dell'analisi di 2.761 tamponi molecolari per un rapporto contagi/tamponi al 6,9%. Tra i nuovi contagiati, 128 persone presentano sintomi, circa il 67% dei positivi totali. Sono 116 le classi in isolamento

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato