Contenuto sponsorizzato

In Trentino arriva l'abete coreano, un albero dalla chioma blu per Natale

A introdurlo per primo in Trentino è stato Giorgio Tonelli, titolare con il figlio Denis dell’azienda florovivaistica Trentino Garden. La nuova specie ha chioma azzurra e marcatamente profumata. Tonelli ha acquistato 5.000 piantine che hanno raggiunto l’altezza di 30 centimetri
DAL BLOG
Di Sergio Ferrari - 26 November 2019

 Laureato in Scienze Agrarie all'Università di Padova, dal 1961 al 1994 è stato docente all'Istituto Agrario di San Michele

La facilità a perdere gli aghi se tenuto in ambiente riscaldato ha comportato una drastica diminuzione di numero dell’abete rosso (Picea excelsa) nell’elenco delle specie di conifera allevate come alberi di Natale.

 

E’ rimasto saldo nel gruppo, ma in posizione subordinata, l’abete bianco (Abies alba) che alla persistenza degli aghi aggiunge l’eleganza e il colore verde intenso.

 

In continua crescita sono alcune specie esotiche quali l’abete del Caucaso (Abies nordmanniana) e l’abete del Colorado (Picea pungens).

 

Rappresenta una novità almeno per il Trentino l’abete coreano selezionato da un vivaista tedesco. Si chiama Blau Pfiff.

 

A introdurlo per primo in Trentino è stato Giorgio Tonelli, titolare con il figlio Denis dell’azienda florovivaistica Trentino Garden.

 

La nuova specie ha chioma azzurra e marcatamente profumata. Tonelli ha acquistato 5.000 piantine che hanno raggiunto l’altezza di 30 centimetri. Passeranno 4-5 anni prima di poter essere poste in vendita.

 

Costerà probabilmente più delle altre specie esotiche perché ha una crescita molto lenta e deve essere seguito durante l’accrescimento da interventi di potatura.

Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 22 dicembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

18 January - 13:19

Cristina Corcho è una dei tanti volontari che in questi giorni aiutano i rifugiati o i migranti rimasti bloccati nel gelido inverno bosniaco. Con l'associazione spagnola No Name Kitchen distribuisce cibo e vestiti ai tanti che rimangono fuori dai campi profughi, riparandosi in tende improvvisate, casupole e fabbriche dismesse. "In molti attendono condizioni migliori. Chi si imbatte nella polizia croata viene malmenato e privato dei vestiti"

18 January - 15:25

La Confartigianato piange la scomparsa di due associati: Maurizio Damian, titolare insieme alla moglie del mobilificio Sommariva in viale Cadore a Ponte nelle Alpi, è morto per Covid, mentre Mario Ceretin in un incidente in autostrada. Due lutti in pochi giorni

18 January - 16:16

A livello nazionale esiste un “Fondo per la morosità incolpevole” e un “Fondo per gli sfratti”. Due fondi con milioni di euro ai quali la provincia di Trento e di Bolzano, però, non possono chiedere aiuto. Perché? Hanno voluto creare una propria politica per la casa che però ora con la pandemia non sembra aiutare le tante famiglie in difficoltà

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato