Contenuto sponsorizzato

La Drosofila sverna nei frutti non raccolti

L’esperienza dimostra che, se l’inverno è mite, l’insetto sopravvive e dà luogo ad una forte popolazione all’inizio della nuova stagione. 
DAL BLOG
Di Sergio Ferrari - 26 ottobre 2017

 Laureato in Scienze Agrarie all'Università di Padova, dal 1961 al 1994 è stato docente all'Istituto Agrario di San Michele

I mirtilli occupano il primo posto insieme alle ciliegie per l’attrattività che esercitano nei confronti delle femmine di Drosofila. Essa è dovuta al colore marcato dei frutti e a sostanze non ancora identificate ma oggetto di studio da parte di ricercatori della Fondazione Mach.

 

Determinanti per la sopravvivenza dell’insetto da una stagione all’altra sono i frutti contenenti uova o larve di Drosofila che per diversi motivi rimangono a volte sulle piante o sul terreno. Significativo il caso di un campo di mirtilli coltivato in Bassa Valsugana di circa mezzo ettaro.

 

All’epoca del terzo stacco (raccolta scalare) una tempesta di vento ha buttato a terra protezione e frutti. Si è reso necessario un intervento a base di Dimetoato al posto della raccolta manuale. L’esperienza dimostra che, se l’inverno è mite, l’insetto sopravvive e dà luogo ad una forte popolazione all’inizio della nuova stagione. 

Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 24 ottobre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

26 ottobre - 06:10

Da inizio ottobre i ricoveri negli ospedali sono tornati ad aumentare e nelle Rsa la situazione è drammatica. Il presidente dell'Ordine degli Infermieri spiega: "I ricoveri stanno aumentano e così anche i bisogni dei pazienti. Ci preoccupano le settimane e i mesi difficili che ci troviamo davanti perché gli infermieri sono sfiniti e provati"

25 ottobre - 20:30

Se le incertezze sono tante, tantissime, e il momento è delicato per l'emergenza Covid-19, le parole del presidente Maurizio Fugatti non aiutano a chiarire nulla o quasi. Non si capisce il senso di una conferenza stampa convocata in questo modo e di questo tenore per spiegare quanto succede in Trentino alla luce dell'ultimo Dpcm del premier Giuseppe Conte

25 ottobre - 20:07

Sono state poi registrate 12 positività tra bambini e ragazzi in età scolare e sono in corso le verifiche per procedere alla quarantena di altre classi, che attualmente riguarda 122 unità

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato