Contenuto sponsorizzato

La forza della corrente può aver danneggiato la fauna ittica, ma possono esserci anche effetti positivi

Le ondate di piena che si sono verificate in molti corsi d’acqua del Trentino possono avere avuto effetti negativi ma anche positivi sulla fauna ittica
DAL BLOG
Di Sergio Ferrari - 04 settembre 2020

 Laureato in Scienze Agrarie all'Università di Padova, dal 1961 al 1994 è stato docente all'Istituto Agrario di San Michele

Le ondate di piena che si sono verificate in molti corsi d’acqua del Trentino possono avere avuto effetti negativi ma anche positivi sulla fauna ittica.

 

Lo afferma Leonardo Pontalti, ittiologo del Servizio foreste e fauna della Provincia di Trento.

 

La forza della corrente ha sicuramente danneggiato o provocato la morte dei componenti più deboli dell’ittiofauna.

 

Ma sono sopravvissuti i soggetti più forti e resistenti all’urto di piena.

 

La violenza dell’acqua può per contro avere ripulito le sponde di fiumi e torrenti e messo a nudo i letti di frega nei quali a partire dal mese di ottobre le trote depositeranno le uova.

 

Tra le operazioni possibili per favorire il ritorno alla normalità quali-quantitativa del patrimonio ittico parzialmente disastrato l’esperto suggerisce la deposizione nei punti critici di scatole Vibert contenenti uova embrionale prossime alla schiusura.

Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 28 settembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

29 settembre - 13:50

Bocciato uno dei provvedimenti bandiera della Giunta Fugatti, il tribunale condanna Pat e Comune di Trento a disapplicare la norma sulle case Itea. Gli avvocati: “Per il Trentino è un primo passo molto importante per rimuovere le norme introdotte dalla Provincia negli ultimi anni in materia di welfare che hanno determinato effetti gravissimi di esclusione in danno degli stranieri”

29 settembre - 12:45

Un andamento ondivago delle Stelle alpine nei turni di ballottaggio che sembra strizzare l'occhio un po' di qui e un po' di lì. Il dato, però, è che il consenso agli autonomisti è andato in calo in quei territori in cui si sono rivolti al centrodestra rispetto a 5 anni fa

29 settembre - 13:19

La rabbia dello studente che è stato sanzionato: "Prima si incentiva la micro-mobilità e si spingono i giovani ad investire in un futuro più sostenibile, ma poi si multa uno studente per l’utilizzo di un mezzo elettrico per spostamenti in città". Lo skateboard è stato parificato ad un ciclomotore e il ragazzo è stato multato per mancanza di targa, libretto di circolazione, assicurazione, mancato uso di casco e conduzione sul marciapiede

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato