Contenuto sponsorizzato

Lago di Tovel, ecco perché non diventa più rosso

Giovanna Flaim studia da anni le acque del lago e le tre alghe presenti. La Tovellia sarebbe in grado di far ritornare rossa una parte del lago. Ma solo in presenza di nutrienti organici e di acqua temperata e tranquilla
DAL BLOG
Di Sergio Ferrari - 21 giugno 2018

 Laureato in Scienze Agrarie all'Università di Padova, dal 1961 al 1994 è stato docente all'Istituto Agrario di San Michele

Studi in vitro sul Glenodinium sanguineum”. Risale al 2004 l’articolo di Giovanna Flaim ricercatrice idrobiologa della Stazione sperimentale agraria e forestale di S. Michele all'Adige, ora dipendente della Fondazione Mach.

 

Rappresenta il capitolo 6 della relazione conclusiva di una ricerca pluri-interdisciplinare sul lago di Tovel e sulle cause del mancato arrossamento a partire dal 1964.

 

Dal 2004 la ricercatrice visita una volta al mese il lago di Tovel ed esegue una serie di rilevamenti accompagnati dal prelievo di campioni di acqua che rientrano in un protocollo internazionale concordato.

 

Finora, dice la ricercatrice, non ho mai registrato fenomeni di arrossamento, almeno fino al mese di maggio di quest’anno.

 

Se avessi notato segni di arrossamento, vorrebbe dire che qualcuno o qualche cosa ha modificato l’attuale equilibrio del lago.

 

L’alga responsabile dell’arrossamento è sempre presente nell’acqua.

 

Perché si verifichi un fenomeno evidente di arrossamento, serve la presenza contemporanea di nutrienti e di una temperatura dell’acqua di almeno 18 gradi.

 

Non sarebbe comunque sufficiente un semplice aumento numerico dell’alga. Il ritorno dovrebbe assumere le dimensioni di una vera esplosione biologica.

Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 11 novembre 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

12 novembre - 13:12

E' avvenuto sull'Altopiano della Vigolana, dove il giovane risiedeva. Pedinato dai finanzieri, è stato fermato e ha tentato la fuga. La perquisizione dell'auto e della casa hanno così portato al rinvenimento di 7 etti di fumo, 15mila euro e due lingotti d'oro. Il soggetto era stato protagonista dell'efferato pestaggio di un militare al di fuori di un noto locale valsuganotto. Arrestato

12 novembre - 05:01

“Bene, è arrivata una nuova pollastrella” , sono queste le parole che Hope (nome di fantasia per motivi di sicurezza) ha sentito la mattina che ha capito di essere stata venduta alla mafia nigeriana. Aveva appena 18 anni quando è successo. E' stata costretta a spogliarsi, a farsi valutare come un oggetto all'asta da Madame, colei che si occupa del business nigeriano. Poi è finita sulla strada

12 novembre - 12:57

Tra questa sera e domani buona parte della regione potrebbe ricoprirsi di bianco. Al Brennero previsti 40 centimetri. Necessarie le dotazioni da neve

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato