Contenuto sponsorizzato

Le api non temono il freddo ma la casetta va orientata con l'apertura a sud

All’interno del glomere la temperatura si mantiene costantemente sui 30 gradi ma quando escono, in primavera, devono farlo andando verso il sole
DAL BLOG
Di Sergio Ferrari - 10 dicembre 2016

 Laureato in Scienze Agrarie all'Università di Padova, dal 1961 al 1994 è stato docente all'Istituto Agrario di San Michele

Le api non soffrono il freddo, soprattutto se si tratta di freddo secco e le famiglie sono sane. Lo afferma Marco Facchinelli presidente dell’Associazione trentina degli apicoltori che fornisce altre informazioni sul comportamento delle api nell’alveare durante la stagione invernale. All’interno del glomere la temperatura si mantiene costantemente sui 30° grazie al calore sviluppato dalle api tramite il loro metabolismo.

 

Per contenere la dispersione di calore all’interno dell’arnia l’apicoltore può sostituire uno o più telaini con fogli di polistirolo. Una piastra dello stesso materiale viene posta sopra i telaini dopo aver eliminato il coprifavo che funge da coperchio dell’arnia.

 

E’ importante orientare le cassette con l’apertura rivolta a sud. A fine inverno le api che usciranno per raccogliere il polline dell’erica e dei noccioli andranno incontro al sole

Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.21 del 25 Settembre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

28 settembre - 05:01

Parole dure, quella della massima carica della Lega in provincia di Trento. Parole da fine stratega che bolla Caramaschi ''comunista'' e ricorda che il tempo dei ''doppi giochi è finito'' dimenticandosi del fatto che a Riva del Garda pur di avere qualche speranza di vittoria e per poter dire ''beh almeno lì ce l'abbiamo fatta'' la sua Lega sta facendo di tutto (leggasi accordi per cariche) per accaparrarsi Malfer e il Patt 

27 settembre - 20:21

La diffusione del virus Comune per Comune: a Rovereto 11 casi, 8 a Trento. La Provincia di Trento maglia nera fra i territori italiani per quanto riguarda l’incidenza. Ecco la mappa dei contagi sul territorio

27 settembre - 18:22

Davide Bassi, ex rettore dell'Università di Trento, di fronte alla crescita dei contagi in Regione nelle ultime settimane, si è interrogato sulle modalità di somministrazione dei tamponi. Farne tanti è infatti sempre una garanzia di una più efficace strategia di contenimento del virus? La risposta è scettica e fa riflettere sul modo con cui la Giunta Fugatti ha comunicato in questi mesi di emergenza. "Non serve farne tanti ma alle persone giuste"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato