Contenuto sponsorizzato

Marzemino bianco resistente: nato dall'incrocio di Marzemino e Merzling

L’esperto di miglioramento genetico della vite Stefanini spiega i risultati finora raggiunti e quelli futuri delle ricerche in atto
DAL BLOG
Di Sergio Ferrari - 21 ottobre 2018

 Laureato in Scienze Agrarie all'Università di Padova, dal 1961 al 1994 è stato docente all'Istituto Agrario di San Michele

Molto interessante è risultata la relazione di Marco Stefanini ricercatore della Fondazione Mach intitolata “il Marzemino (vitigno) oggi e nel futuro” svolta nel corso della cerimonia di premiazione dei tre viticoltori vincitori del premio La Vigna Eccellente.

 

Partendo dal semenzale Teroldego X Schiava ritenuto precursore a metà del ‘700 degli attuali cloni del vitigno Marzemino, l’esperto di miglioramento genetico della vite ha informato il pubblico sui risultati finora raggiunti e di quelli futuri delle ricerche in atto. Teroldego, Nosiola e Marzemino sono i vitigni oggetto di ricerca. Numerosi i semenzali ottenuti finora incrociando Marzemino con vitigni portatori di geni di resistenza.

 

Il più interessante, ricavato dall’incrocio Marzemino X Merzling è un Marzemino bianco che dovrà assumere un nome diverso da quello della vite madre. Non potrà inoltre fregiarsi della DOC Marzemino Trentino.

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Politica
02 ottobre - 13:22
Quando si ha a che fare col populismo più spinto il cortocircuito è quotidiano: il capo della Lega per inserirsi nel dibattito [...]
Cronaca
02 ottobre - 12:46
La donna ha violato il provvedimento di allontanamento da casa e di avvicinamento all'ex compagno. L'uomo spaventato ha chiamato i carabinieri e la [...]
Cronaca
02 ottobre - 10:28
L'uomo, che si autodefiniva un “allineatore vertebrale”, praticava una sorta di pranoterapia. Si faceva pagare 130 euro a seduta in contanti. [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato