Contenuto sponsorizzato

Melinda in numeri: dalla Val di Non partono 30 Tir ogni giorno e la base sociale è costituita da 4000 frutticoltori

Ai giornalisti italiani giunti in Trentino è stata fornita una scheda recante i seguenti dati riguardanti l’organizzazione e l’attività del consorzio che quest’anno celebra il 30° anniversario di fondazione
DAL BLOG
Di Sergio Ferrari - 02 maggio 2019

 Laureato in Scienze Agrarie all'Università di Padova, dal 1961 al 1994 è stato docente all'Istituto Agrario di San Michele

Al gruppo di giornalisti italiani che sono stati ospiti di Melinda per un soggiorno conoscitivo di tre giorni è stata fornita una scheda recante i seguenti dati riguardanti l’organizzazione e l’attività del consorzio che quest’anno celebra il 30° anniversario di fondazione.

 

La base sociale è costituita da 4000 frutticoltori distribuiti fra 16 cooperative ortofrutticole.

 

Gli ettari di frutteto coltivati in Val di Non e Val di Sole sono 6.700. La produzione di mele nella stagione 2018 ha raggiunto 440.000 tonnellate.

 

Ogni giorno dalla Val di Non partono 30 TIR carichi di mele destinati per il 70% ai mercati italiani e per la parte restante a Paesi europei ed extra europei.

 

Il valore medio della produzione di mele degli ultimi 3 anni è di 250 milioni di euro. Ogni anno l’ufficio Marketing di Melinda acquista 2,5 miliardi di bollini utilizzati per identificare singolarmente le mele vendute con il marchio Melinda.

Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 23 maggio 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

25 maggio - 19:16

Ci sono 5.400 casi e 462 decessi in Trentino per l'emergenza coronavirus. I tamponi analizzati sono stati 675 (315 letti da Apss e 360 da Fondazione Mach) per un rapporto contagi/tampone a 0,15%

25 maggio - 18:12
I tamponi analizzati sono stati 675 per un rapporto contagi/tampone che si attesta a 0,15%, il dato più basso da inizio epidemia. Un positivo nelle ultime 24 ore. Il Trentino si porta complessivamente a 5.400 casi e 462 decessi da inizio emergenza coronavirus
25 maggio - 16:21

L'assessora Segnana è intervenuta per scaricare la responsabilità sull'Ordine dei medici. Grosselli, Bezzi e Alotti: "Se esecutivo e dirigenti provinciali hanno sempre bisogno di qualcuno che dica cosa fare, per quale motivo vengono pagati dai trentini? Chieda scusa e ringrazi Ioppi invece di accusarlo". L'Upt: "Accuse di Segnana inaccettabili e vili. Bullismo istituzionale, arroganza e impreparazione"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato