Contenuto sponsorizzato

Melinda in numeri: dalla Val di Non partono 30 Tir ogni giorno e la base sociale è costituita da 4000 frutticoltori

Ai giornalisti italiani giunti in Trentino è stata fornita una scheda recante i seguenti dati riguardanti l’organizzazione e l’attività del consorzio che quest’anno celebra il 30° anniversario di fondazione
DAL BLOG
Di Sergio Ferrari - 02 maggio 2019

 Laureato in Scienze Agrarie all'Università di Padova, dal 1961 al 1994 è stato docente all'Istituto Agrario di San Michele

Al gruppo di giornalisti italiani che sono stati ospiti di Melinda per un soggiorno conoscitivo di tre giorni è stata fornita una scheda recante i seguenti dati riguardanti l’organizzazione e l’attività del consorzio che quest’anno celebra il 30° anniversario di fondazione.

 

La base sociale è costituita da 4000 frutticoltori distribuiti fra 16 cooperative ortofrutticole.

 

Gli ettari di frutteto coltivati in Val di Non e Val di Sole sono 6.700. La produzione di mele nella stagione 2018 ha raggiunto 440.000 tonnellate.

 

Ogni giorno dalla Val di Non partono 30 TIR carichi di mele destinati per il 70% ai mercati italiani e per la parte restante a Paesi europei ed extra europei.

 

Il valore medio della produzione di mele degli ultimi 3 anni è di 250 milioni di euro. Ogni anno l’ufficio Marketing di Melinda acquista 2,5 miliardi di bollini utilizzati per identificare singolarmente le mele vendute con il marchio Melinda.

Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 27 gennaio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

28 January - 15:48

La vicenda dell'improvvisa chiusura del quotidiano è stata centrale nella V commissione della Pat. Il presidente della Camera di commercio di Bolzano ha ripercorso le tappe dall'acquisizione alla serrata. Poi sono stati ascoltati anche i giornalisti e la parte sindacale 

28 January - 15:59

Lo storico locale della Cantinota di Padergnone ha definitivamente chiuso i battenti. La pandemia ha infatti dato il colpo di grazia ad una locanda familiare aperta dal 1933 e gestita ininterrottamente dai fratelli Bressan. Se ne va così un punto storico d'incontro per i trentini e i tanti turisti della Valle dei Laghi e delle Dolomiti di Brenta

28 January - 14:42

I militari hanno individuato la proposta di vendita della statua nel corso del quotidiano monitoraggio del web finalizzato alla ricerca di beni rubati, da parte di un privato residente a Muggia (Trieste)

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato