Contenuto sponsorizzato

Miglioramento genetico in viticultura. Che fine ha fatto il tesoro di Martina?

Il ministro aveva promesso 21 milioni in 3 anni per sviluppare tecniche quali la cisgenesi e il genoma editing. A Fico il professor Scienza gli ha chiesto dove sono finiti i milioni promessi. Ecco la risposta
DAL BLOG
Di Sergio Ferrari - 01 dicembre 2017

 Laureato in Scienze Agrarie all'Università di Padova, dal 1961 al 1994 è stato docente all'Istituto Agrario di San Michele

Non è fuori luogo parlare di caccia al tesoro a proposito dei 21 milioni di euro che 3 anni fa il ministro dell’agricoltura Maurizio Martina aveva stanziato per sostenere il miglioramento genetico in viticoltura da perseguire adottando biotecnologie non considerate produttrici di organismi geneticamente modificati (OGM) quali la cisgenesi e il genoma editing.

 

Limitando gli esperimenti all’interno dei Centri di ricerca, in attesa che l’Unione Europea decidesse di concedere il loro trasferimento in campo aperto. Il 15 novembre 2017, in occasione dell’inaugurazione della Fabbrica Italiana Contadina di Bologna, il prof. Attilio Scienza ha chiesto al ministro dove sono andati a finire i milioni promessi.

 

Martina ha risposto: ”Non sono ancora arrivati a destinazione?” e ha aggiunto, sempre rivolto a Scienza: ”Venga da me al Ministero. Vedrò di chiarire la faccenda". Negli stessi giorni un giornalista dell’Informatore Agrario ha appreso durante un’intervista a Riccardo Velasco, neo direttore del Crea di Conegliano Veneto, che i 21 milioni di euro sono stati già assegnati alle unità di ricerca viticola italiane che fanno capo al Centro di Conegliano

Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 28 settembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

29 settembre - 13:50

Bocciato uno dei provvedimenti bandiera della Giunta Fugatti, il tribunale condanna Pat e Comune di Trento a disapplicale la norma sulle case Itea. Gli avvocati: “Per il Trentino è un primo passo molto importante per rimuovere le norme introdotte dalla Provincia negli ultimi anni in materia di welfare che hanno determinato effetti gravissimi di esclusione in danno degli stranieri”

29 settembre - 13:19

La rabbia dello studente che è stato sanzionato: "Prima si incentiva la micro-mobilità e si spingono i giovani ad investire in un futuro più sostenibile, ma poi si multa uno studente per l’utilizzo di un mezzo elettrico per spostamenti in città". Lo skateboard è stato parificato ad un ciclomotore e il ragazzo è stato multato per mancanza di targa, libretto di circolazione, assicurazione, mancato uso di casco e conduzione sul marciapiede

29 settembre - 12:45

Paolo Zanollo, delegato del Wwf per il Garda e sub: "In appena 200 metri di spiaggia ne abbiamo raccolte ben 30”. Rifiuti trovati anche nei canneti, preziosi ecosistemi di filtro naturale nel lago

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato