Contenuto sponsorizzato

Moria di meleti, un fenomeno che interessa il Trentino da 30 anni

Corsi e ricorsi fitosanitari, la moria dei meleti non è una dinamica nuova, anche Fondazione Mach e Istituto agrario di S. Michele studiano questo fenomeno per trovare una causa
DAL BLOG
Di Sergio Ferrari - 29 agosto 2018

 Laureato in Scienze Agrarie all'Università di Padova, dal 1961 al 1994 è stato docente all'Istituto Agrario di San Michele

Moria del melo, molte cause, sintomi certi” è il titolo di un articolo pubblicato dall’Informatore Agrario n. 39/2011 firmato da una quindicina di tecnici ed esperti di varie regioni frutticole italiane.

 

Frequenti incontri e scambi di esperienze fra gli esperti coordinati da Gastone Dallago al tempo responsabile del settore frutticoltura della Fondazione Mach (Centro trasferimento tecnologico) hanno portato alla formulazione di diverse ipotesi circa le cause prossime o remote del fenomeno che interessa da 30 anni non solo il Trentino Alto Adige.

 

Nell’articolo manca una diagnosi univoca e condivisa.

 

Il fenomeno si è ripetuto anche quest’anno. Per quanto riguarda il Trentino, in Val di Non e Valsugana. Gastone Dallago è passato a nuovo incarico (Centro di saggio fitofarmaci). Ricorda però di avere presentato alla dirigenza in carica nel 2014 un progetto intitolato “Stanchezza del terreno” che non è stato approvato.

 

Prevedeva tra l’altro la ricerca di portainnesti resistenti allo stress conseguente al ritorno del melo sullo stesso terreno e l’utilizzo di vari tipi di sostanza organica nella fase di preparazione all’impianto.

 

Non è consolante leggere sull’Almanacco Agrario edizione 1907 un articolo di Mader, direttore dell’Istituto Agrario di S. Michele, che parla di moria del melo in Alto Adige e propone una diagnosi molto semplice e netta: danno da freddo su piante ancora in vigore all’inizio dell’inverno. 

Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.27 del 27 Febbraio
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

28 febbraio - 11:51

Crescono i dati degli ospedali in Alto Adige, dove però i numeri del contagio appaiono ancora in flessione. Ancora 5 i decessi registrati nelle ultime 24 ore

28 febbraio - 13:02

Seconda grave caduta in pochi minuti nel Super G di Coppa del Mondo femminile in Val di Fassa. Dopo la caduta della norvegese Kajse Lie, è toccato all'austriaca Rosina Schneeberger, sbilanciata a grande velocità dall'impatto con una porta

28 febbraio - 12:26

A rimanere ferita è stata la giovane atleta norvegese Kajsa Lie. Sul posto i soccorsi, la 22enne è stata portate via in elicottero 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato