Contenuto sponsorizzato

Mosca delle olive: via libera al Dimetoato. Non c'era alternative

L'insetticida è stato autorizzato dalla Fem dopo aver scartato il Confidor (uccide le api) e il Fosmet (si scioglie nell'olio). E le trappole di cattura non hanno sortito l'effetto sperato
DAL BLOG
Di Sergio Ferrari - 06 ottobre 2016

 Laureato in Scienze Agrarie all'Università di Padova, dal 1961 al 1994 è stato docente all'Istituto Agrario di San Michele

Il ricorso all’insetticida Dimetoato per contenere i danni della mosca delle olive nel Basso Sarca è stato consigliato dal tecnico Fem Franco Michelotti tenendo conto del grado di infestazione e della pericolosità di questo e di altri due insetticidi autorizzati: Confidor Fosmet. Entrambi sono però stati esclusi con motivazioni fondate. Il Confidor uccide le api. Il Fosmet è liposolubile e quindi si scioglie nell’olio contenuto nelle olive. Sul mercato si trovano altri due insetticidi potenzialmente impiegabili sulle olive. Si tratta del Laser a base di Spinosad che però può essere legalmente impiegato solo come esca, cioè sospeso in acqua e spruzzato a gocce grosse su una pianta ogni due, ma non su tutta la chioma.

 

L’insetticida Exirel ha lo stesso principio attivo di una pianta esotica denominata Ryania ma prodotto per sintesi, è autorizzato su numerose specie di piante compreso il cappero, ma non sull’olivo che in Italia copre una superficie di 1 milione e 100.000 ettari. Quest’anno le trappole di cattura (50.000 su tutto il territorio) non hanno garantito un risultato soddisfacente e sono costate all’olivicoltore 200 euro a ettaro.

Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 01 dicembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

02 December - 15:17

La denuncia della referente case di riposo, Piersanti: ''La struttura ha solo 10 posti letto accreditati come posti di sollievo a minore intensità assistenziale, gli altri sono sul libero mercato. Quindi solo per i 10 va rispettato il parametro assistenziale con le regole delle Rsa pubbliche''. A Mori si sono negativizzati 6 dei 14 ospiti positivi prima di venerdì

02 December - 15:42

La Protezione civile dell'Alto Adige ha comunicato che tra venerdì 4 dicembre e lunedì 7 la provincia sarà interessata da abbondanti e diffuse precipitazioni. Per questo, visto il rischio valanghe alto, i possibili disagi al traffico e altri scenari di emergenza, è stata diramata l'allerta al grado Alfa

02 December - 13:31

L'ordine degli Infermieri ha scritto una lettera al presidente Fugatti e all'assessora Segnana chiedendo interventi concreti "Per mettere nelle condizioni giuridiche e deontologiche di poter continuare a garantire l’assistenza nel miglior interesse del cittadino e per valorizzare le competenze degli infermieri". Anche negli scorsi mesi l'Opi ha scritto alla Provincia sottolineando alcune preoccupazioni. Non è però mai arrivata una risposta

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato