Contenuto sponsorizzato

Mosca delle olive: via libera al Dimetoato. Non c'era alternative

L'insetticida è stato autorizzato dalla Fem dopo aver scartato il Confidor (uccide le api) e il Fosmet (si scioglie nell'olio). E le trappole di cattura non hanno sortito l'effetto sperato
DAL BLOG
Di Sergio Ferrari - 06 ottobre 2016

 Laureato in Scienze Agrarie all'Università di Padova, dal 1961 al 1994 è stato docente all'Istituto Agrario di San Michele

Il ricorso all’insetticida Dimetoato per contenere i danni della mosca delle olive nel Basso Sarca è stato consigliato dal tecnico Fem Franco Michelotti tenendo conto del grado di infestazione e della pericolosità di questo e di altri due insetticidi autorizzati: Confidor Fosmet. Entrambi sono però stati esclusi con motivazioni fondate. Il Confidor uccide le api. Il Fosmet è liposolubile e quindi si scioglie nell’olio contenuto nelle olive. Sul mercato si trovano altri due insetticidi potenzialmente impiegabili sulle olive. Si tratta del Laser a base di Spinosad che però può essere legalmente impiegato solo come esca, cioè sospeso in acqua e spruzzato a gocce grosse su una pianta ogni due, ma non su tutta la chioma.

 

L’insetticida Exirel ha lo stesso principio attivo di una pianta esotica denominata Ryania ma prodotto per sintesi, è autorizzato su numerose specie di piante compreso il cappero, ma non sull’olivo che in Italia copre una superficie di 1 milione e 100.000 ettari. Quest’anno le trappole di cattura (50.000 su tutto il territorio) non hanno garantito un risultato soddisfacente e sono costate all’olivicoltore 200 euro a ettaro.

Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 16 novembre 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

18 novembre - 09:04

E' successo questa mattina, non ci sono stati feriti ma le persone che si trovavano all'interno sono state soccorse dai vigili del fuoco. La linea è stata chiusa per consentire l'intervento dei tecnici 

18 novembre - 11:19

Canne fumarie coperte da neve, il rischio è che questa situazione crei un cattivo tiraggio del camino che impedisce la dispersione dei fumi di combustione in atmosfera, favorendo la concentrazione del pericoloso monossido di carbonio (CO) all'interno dell'abitazione

18 novembre - 09:30

L'incidente è avvenuto ieri sera poco dopo le 23 e sul posto si sono portati i vigili del fuoco, i carabinieri e i soccorsi sanitari. I tre giovani sono stati trasportati in codice giallo all'ospedale di Arco 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato