Contenuto sponsorizzato

Mosca delle olive: via libera al Dimetoato. Non c'era alternative

L'insetticida è stato autorizzato dalla Fem dopo aver scartato il Confidor (uccide le api) e il Fosmet (si scioglie nell'olio). E le trappole di cattura non hanno sortito l'effetto sperato
DAL BLOG
Di Sergio Ferrari - 06 ottobre 2016

 Laureato in Scienze Agrarie all'Università di Padova, dal 1961 al 1994 è stato docente all'Istituto Agrario di San Michele

Il ricorso all’insetticida Dimetoato per contenere i danni della mosca delle olive nel Basso Sarca è stato consigliato dal tecnico Fem Franco Michelotti tenendo conto del grado di infestazione e della pericolosità di questo e di altri due insetticidi autorizzati: Confidor Fosmet. Entrambi sono però stati esclusi con motivazioni fondate. Il Confidor uccide le api. Il Fosmet è liposolubile e quindi si scioglie nell’olio contenuto nelle olive. Sul mercato si trovano altri due insetticidi potenzialmente impiegabili sulle olive. Si tratta del Laser a base di Spinosad che però può essere legalmente impiegato solo come esca, cioè sospeso in acqua e spruzzato a gocce grosse su una pianta ogni due, ma non su tutta la chioma.

 

L’insetticida Exirel ha lo stesso principio attivo di una pianta esotica denominata Ryania ma prodotto per sintesi, è autorizzato su numerose specie di piante compreso il cappero, ma non sull’olivo che in Italia copre una superficie di 1 milione e 100.000 ettari. Quest’anno le trappole di cattura (50.000 su tutto il territorio) non hanno garantito un risultato soddisfacente e sono costate all’olivicoltore 200 euro a ettaro.

Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 05 marzo 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

04 aprile - 19:55

Il presidente in conferenza stampa ha detto che per lui da lunedì si parte ma mentre Kompatscher e Zaia prima hanno distribuito i dispositivi e poi hanno fatto l'ordinanza in Trentino ancora manca tutto. E se nelle farmacie le mascherine scarseggiano il paradosso è che i guanti si potrebbero comprare proprio nei supermercati che, però, domani sono chiusi e lunedì non dovrebbero più essere frequentati senza i guanti

04 aprile - 19:38

Le vittime negli ospedali del sistema trentino sono 3 donne e 3 uomini. Sono 1.601 le persone in isolamento domiciliare, 151 in Rsa mentre i casi complessivi riguardano 741 persone, 151 nelle case di cura e 14 in strutture intermedie. Sono 301 i pazienti ricoverati senza ventilazione, 52 in semi-invasiva e 81 in ventilazione invasiva

04 aprile - 19:01

Si tratta di un gruppo di analisi di scenario e un gruppo tecnico operativo per mettere in campo misure concrete sul breve periodo per dare "ossigeno" a chi ne ha bisogno e impostare una manovra di medio-lungo periodo, che inizi a guardare al "dopo" quindi ad uno scenario che abbracci almeno i prossimi 12-24 mesi. Ecco chi sono i 15 nomi scelti

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato