Contenuto sponsorizzato

Nidi artificiali per uccelli rapaci, un fattore per limitare topi e arvicole

Un nido di questo tipo costa da 100 a 120 euro e ne serve uno ogni cinque ettari di frutteto. Gli uccelli rapaci rappresentano uno dei fattori limitanti della popolazione di topi e arvicole che possono arrecare danni alle piante di melo soprattutto giovani
DAL BLOG
Di Sergio Ferrari - 08 febbraio 2018

 Laureato in Scienze Agrarie all'Università di Padova, dal 1961 al 1994 è stato docente all'Istituto Agrario di San Michele

Gli uccelli rapaci rappresentano uno dei fattori limitanti della popolazione di topi e arvicole che possono arrecare danni alle piante di melo soprattutto giovani.

 

Ma da soli non riuscirebbero a contenere del tutto l’infestazione. Lo afferma Paolo Pedrini, zoologo del Muse.

 

Sergio Abram  naturalista che unisce all’attività di ricercatore di pieno campo la capacità di divulgare con i libri quanto va scoprendo, insiste nell’affermare che la presenza dei rapaci dovrebbe essere assecondata esponendo nei frutteti nidi artificiali adatti ad ospitarli.

 

Un nido di questo tipo costa da 100 a 120 euro e ne serve uno ogni 5 ettari di frutteto.

 

Per Roberto Paternoster, frutticoltore di Ton nella bassa Val di Non, topi e arvicole sono numerosi nella media e alta val di Non e non nella bassa perché le reti antigrandine impediscono ai rapaci di raggiungere topi e arvicole che si possono pertanto riprodurre a dismisura.

 

Questo non succede nella bassa Val di Non dove le reti non sono presenti.  

Ultima edizione
Edizione del 13 agosto 2022
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Politica
16 agosto - 13:01
Al momento secondo le simulazioni di Youtrend solo i seggi di Trento e Bolzano al Senato sarebbero contendibili alla destra ma le cose potrebbero [...]
Cronaca
16 agosto - 12:20
L'incidente è avvenuto in mattinata sulla statale della Val Venosta, tra Castelbello e Laces: fortunatamente, dicono i vigili del fuoco, non ci [...]
Montagna
16 agosto - 10:37
Dopo aver partorito un agnellino la pecora “Fortunata” è partita per raggiungere il suo gregge: “Io l’ho vista e al solo [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato