Contenuto sponsorizzato

Peperoncino trentino, annata non da incorniciare ma prodotti 10 quintali

I quattro campi che fanno capo all'Associazione peperoncino trentino si trovano a Tierno di Mori, Avio, Pannone e Folaso. E' venuta meno la produzione di cioccolata al peperoncino perché la ditta di Rovereto ha cessato l'attività
DAL BLOG
Di Sergio Ferrari - 25 dicembre 2017

 Laureato in Scienze Agrarie all'Università di Padova, dal 1961 al 1994 è stato docente all'Istituto Agrario di San Michele

Ammonta a 10 quintali la produzione di peperoncini piccanti di diverse varietà raccolta quest’anno nei quattro campi che fanno capo all’Associazione peperoncino trentino. Gli appezzamenti, dice il perito agrario Antonio Girardelli che presta consulenza ai coltivatori, si trovano a Tierno di Mori, Avio, Pannone e Folaso. La stagione non è stata delle migliori.

 

La percentuale maggiore di peperoncini è stata essiccata o trasformata in salsa da un’azienda artigiana di Nogaredo e da due cooperative: Maso del Gnac di Isera e Le Formiche di Avio. Anche L’Agraria di Riva ha acquistato peperoni freschi dai quali ha ricavato polvere da aggiungere ad una partita di olio extra vergine Garda Trentino Dop che rappresenta una rarità.

 

La polvere di peperoncino viene utilizzata anche da qualche caseificio per dare piccantezza a formaggi freschi. E’ invece venuta meno la produzione di cioccolata al peperoncino perché la ditta di Rovereto ha cessato l’attività. 

Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 28 ottobre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

29 ottobre - 04:01

Lo studio esclusivo condotto da 4 università (fra cui Trento) e dal Policlinico San Matteo di Pavia mostra cosa accadrà se le misure dell’ultimo Dpcm non dovessero frenare i contagi: “La crescita esponenziale dei positivi trascinerà con sé quella delle terapie intensive e dei decessi, le strutture sanitarie saranno messe in ginocchio

28 ottobre - 20:06

Il Partito democratico: "Quello che ci dispiace è che in un momento così delicato come quello che stiamo attraversando Fugatti agisca in modo propagandistico invece che responsabile". I sindacati: "L'aspetto più grave è che saranno le imprese e i lavoratori a pagare le conseguenze di questa situazione di totale indeterminatezza"

28 ottobre - 20:47

La serrata francese scatta da giovedì 29 ottobre al 1 dicembre. Solo oggi sono stati registrati 36.437 nuovi casi e 244 decessi. Forte crescita dei contagi anche in Germania, un mese di "lockdown soft"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato