Contenuto sponsorizzato

Prosegue la lotta biologica all’ailanto, pianta invasiva molto diffusa anche in Trentino

Gli esperti dell’Unità difesa delle piante e del verde urbano della Fondazione Mach hanno trovato piante di ailanto fatte seccare da un fungo del genere Verticillium. Un capitolo della tesi di laurea di Francesca Michelon è dedicato all'ailanto
Dal blog di Sergio Ferrari - 12 novembre 2018 - 11:41

Alla lotta biologica all’ailanto, nota pianta invasiva molto diffusa anche in Trentino, è dedicato un capitolo della tesi di laurea di Francesca Michelon che ha condotto le sue ricerche soprattutto in Vallagarina.

 

Nella stessa valle gli esperti dell’Unità difesa delle piante e del verde urbano della Fondazione Mach hanno trovato piante di ailanto fatte seccare da un fungo del genere Verticillium.

 

Nella tesi si fa riferimento a prove di inoculo del fungo nei fusti di ailanto. Giorgio Maresi confida nella possibilità di applicare in futuro questo tipo di lotta biologica.

 

Ma non nasconde il pericolo di possibili conseguenze negative a carico di piante diverse dall’ailanto.

 

Il Verticillium è infatti un fungo polifago che può attaccare molte specie di piante. Di questo e di altri aspetti si occuperà una dottoranda di ricerca che lavora presso la Fondazione Mach. 

Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 16 agosto 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

17 agosto - 19:21

Dopo l'azione degli Schützen di ieri, che hanno coperto i nomi tedeschi in 600 cartelli per denunciare l'ingiustizia della non ufficialità dei toponimi tedeschi, la questione torna al centro del dibattito. Delle Donne: "E' meramente politica, fu l'Svp a non renderla ufficiale". Klotz: "Si vuole dare valenza istituzionale a nomi fascisti e inventati. L'azione degli Schützen evidenzia l'ingiustizia"

17 agosto - 20:11

E' successo questo pomeriggio attorno alle 17. Sul posto i vigili del fuoco. E' stato necessario il sorvolo dell'elicottero con il geologo per verificare la situazione

17 agosto - 12:12
Le tracce del plantigrado sono state trovate nelle vicinanze di malga Ora a quota 1.875 metri tra il passo Lavazè in val di Fiemme e Nova Ponente sul versante altoatesino. Le orme sono state rilevate dopo che altre tracce erano state lasciate dal plantigrado nel territorio del comune di Giovo sul versante di Faedo. La Provincia conferma
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato