Contenuto sponsorizzato

Prosegue la lotta biologica all’ailanto, pianta invasiva molto diffusa anche in Trentino

Gli esperti dell’Unità difesa delle piante e del verde urbano della Fondazione Mach hanno trovato piante di ailanto fatte seccare da un fungo del genere Verticillium. Un capitolo della tesi di laurea di Francesca Michelon è dedicato all'ailanto
Dal blog di Sergio Ferrari - 12 novembre 2018 - 11:41

Alla lotta biologica all’ailanto, nota pianta invasiva molto diffusa anche in Trentino, è dedicato un capitolo della tesi di laurea di Francesca Michelon che ha condotto le sue ricerche soprattutto in Vallagarina.

 

Nella stessa valle gli esperti dell’Unità difesa delle piante e del verde urbano della Fondazione Mach hanno trovato piante di ailanto fatte seccare da un fungo del genere Verticillium.

 

Nella tesi si fa riferimento a prove di inoculo del fungo nei fusti di ailanto. Giorgio Maresi confida nella possibilità di applicare in futuro questo tipo di lotta biologica.

 

Ma non nasconde il pericolo di possibili conseguenze negative a carico di piante diverse dall’ailanto.

 

Il Verticillium è infatti un fungo polifago che può attaccare molte specie di piante. Di questo e di altri aspetti si occuperà una dottoranda di ricerca che lavora presso la Fondazione Mach. 

Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 18 maggio 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

20 maggio - 12:02

La candidata annuncia una "doppia rivoluzione copernicana'' per un'Unione che veda ''l'Italia protagonista'' e ''al centro l'uomo''. Appello alle donne: ''Siate protagoniste, nonostante i sensi di colpa al femminile''

20 maggio - 11:49

Un cucciolo di orso è stato avvistato lungo la strada statale 45 bis della Gardesana all'altezza del bivio per la provinciale 84 poco lontano dall'abitato di Padergnone. L'arteria è rimasta chiusa diverse ore in attesa dell'arrivo della mamma

20 maggio - 06:01

E' dal 2009 che le coltivazioni di piccoli frutti registrano danni gravi e crescenti per il costante aumento di questo dittero. A fine anno in Svizzera potrebbe partire una sperimentazione che prevede l'utilizzo di un parassitoide per fronteggiare il moscerino della frutta. A Roma un documento si muove lentamente. Dallapiccola: "Avranno preso contatti con il governo 'amico' per accelerare?"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato