Contenuto sponsorizzato

Quali sono le mele preferite dalla mosca mediterranea della frutta?

La mosca mediterranea della frutta è insetto tipico della frutticoltura del sud Italia ed è arrivata in Trentino Alto-Adige con i mezzi di trasporto. Ecco cosa è stato stabilito da uno studio firmato da 4 esperti della Fem
DAL BLOG
Di Sergio Ferrari - 27 novembre 2019

 Laureato in Scienze Agrarie all'Università di Padova, dal 1961 al 1994 è stato docente all'Istituto Agrario di San Michele

Nel numero 41/2019 de L’Informatore Agrario è pubblicato un articolo intitolato “Sensibilità di alcune cultivar di melo a Ceratitis capitata”. Il nome latino è riferito alla mosca mediterranea della frutta, insetto estremamente polifago che può colpire oltre 300 piante ospiti. L’articolo è firmato da 4 esperti entomologi della Fondazione Mach che fanno capo al Centro trasferimento tecnologico diretto da Claudio Ioriatti.

 

La mosca mediterranea della frutta è insetto tipico della frutticoltura del sud Italia ed è arrivata in Trentino Alto-Adige con i mezzi di trasporto. Nell’articolo si riportano i risultati di una ricerca in pieno campo intesa a definire una scala di preferenza delle varietà di mela colpite dalla mosca e a individuare punti di riferimento utili per consentire di intervenire con insetticidi in tempo utile rispetto alla data di raccolta.

 

L’indagine ha stabilito che l’insetto può deporre le uova su tutte le varietà di mela ma predilige quelle caratterizzate da alto contenuto zuccherino e bassa resistenza alla penetrazione: Golden Delicious, Kanzi e Fuji.

Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 18 gennaio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

19 gennaio - 16:57

Nelle ultime 24 ore analizzati 3.036 tamponi. Sono stati comunicati altri 5 decessi a causa di Covid-19. Trovati 143 positivi tra tamponi molecolari e test antigenici. Cala il numero delle persone in ospedale, stabile il dato dei pazienti in terapia intensiva

19 gennaio - 18:05

E' successo nella zona di Gazzo Veronese su un terreno agricolo. Sono state trovate carcasse di nutrie ma anche lepri, volpi, fagiani, aironi e anatre

19 gennaio - 16:31

L'apertura è prevista dal lunedì al venerdì, con ingressi contingentati. documenti restituiti vengono poi messi in quarantena per sette giorni, nei quali resteranno ancora in carico all'utente; saranno poi cancellati dal prestito

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato