Contenuto sponsorizzato

Riproduzione assistita del salmerino alpino

Dalle uova embrionate e dagli avannotti che ne nasceranno si ricaverà il materiale per portare il salmerino in diversi laghi alpini del Trentino
Foto wikipedia (Zouavman Le Zouave)
DAL BLOG
Di Sergio Ferrari - 04 dicembre 2019

 Laureato in Scienze Agrarie all'Università di Padova, dal 1961 al 1994 è stato docente all'Istituto Agrario di San Michele

Gli addetti alla riproduzione assistita del salmerino alpino che operano per conto dell’Associazione pescatori dilettanti di Molveno sono impegnati nella spremitura delle uova da femmine catturate mediante rete nel lago omonimo. Anche i riproduttori maschi provengono dallo stesso lago dove il salmerino è presente da antica data. La fecondazione delle uova avviene nelle vasche di allevamento che la Provincia ha affidato all’associazione anche per altre operazioni connesse con il ripopolamento.

 

Dalle uova embrionate e dagli avannotti che ne nasceranno si ricaverà il materiale per portare il salmerino in diversi laghi alpini del Trentino dove la specie non è presente o ha subito un calo per cause naturali quali la parassitizzazione da parte di altre specie di pesce o per errori da parte degli addetti al ripopolamento.

Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 06 dicembre 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

06 dicembre - 19:12

Tantissimi i giovani e le famiglie che sono arrivate a Trento accogliendo la proposta del popolo delle sardine di scendere in piazza per ribadire la loro distanza da odio, rabbia e populismo

06 dicembre - 17:07

L'ex presidente della Pat ribadisce oggi la sua distanza dalla Lega di Salvini con un messaggio di solidarietà alle tante persone che tra poco si riuniranno in Piazza Dante: ''Non ci sarò perché penso loro preferiscano essere neutre politicamente. Ma faccio tanti auguri!''

06 dicembre - 11:12

Le abbondanti precipitazioni nevose delle ultime settimane hanno favorito l'inizio della stagione del letargo. Ecco quindi un orso che, sul Brenta orientale, è impegnato a raccogliere materiale vegetale per prepararsi la tana in vista del letargo

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato