Contenuto sponsorizzato

Riproduzione assistita del salmerino alpino

Dalle uova embrionate e dagli avannotti che ne nasceranno si ricaverà il materiale per portare il salmerino in diversi laghi alpini del Trentino
Foto wikipedia (Zouavman Le Zouave)
DAL BLOG
Di Sergio Ferrari - 04 dicembre 2019

 Laureato in Scienze Agrarie all'Università di Padova, dal 1961 al 1994 è stato docente all'Istituto Agrario di San Michele

Gli addetti alla riproduzione assistita del salmerino alpino che operano per conto dell’Associazione pescatori dilettanti di Molveno sono impegnati nella spremitura delle uova da femmine catturate mediante rete nel lago omonimo. Anche i riproduttori maschi provengono dallo stesso lago dove il salmerino è presente da antica data. La fecondazione delle uova avviene nelle vasche di allevamento che la Provincia ha affidato all’associazione anche per altre operazioni connesse con il ripopolamento.

 

Dalle uova embrionate e dagli avannotti che ne nasceranno si ricaverà il materiale per portare il salmerino in diversi laghi alpini del Trentino dove la specie non è presente o ha subito un calo per cause naturali quali la parassitizzazione da parte di altre specie di pesce o per errori da parte degli addetti al ripopolamento.

Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 22 dicembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

18 gennaio - 13:19

Cristina Corcho è una dei tanti volontari che in questi giorni aiutano i rifugiati o i migranti rimasti bloccati nel gelido inverno bosniaco. Con l'associazione spagnola No Name Kitchen distribuisce cibo e vestiti ai tanti che rimangono fuori dai campi profughi, riparandosi in tende improvvisate, casupole e fabbriche dismesse. "In molti attendono condizioni migliori. Chi si imbatte nella polizia croata viene malmenato e privato dei vestiti"

18 gennaio - 15:25

La Confartigianato piange la scomparsa di due associati: Maurizio Damian, titolare insieme alla moglie del mobilificio Sommariva in viale Cadore a Ponte nelle Alpi, è morto per Covid, mentre Mario Ceretin in un incidente in autostrada. Due lutti in pochi giorni

18 gennaio - 16:16

A livello nazionale esiste un “Fondo per la morosità incolpevole” e un “Fondo per gli sfratti”. Due fondi con milioni di euro ai quali la provincia di Trento e di Bolzano, però, non possono chiedere aiuto. Perché? Hanno voluto creare una propria politica per la casa che però ora con la pandemia non sembra aiutare le tante famiglie in difficoltà

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato