Contenuto sponsorizzato

Sergio Baroni, da 51 anni il re del vischio

Nel periodo del Natale è presente tutti i giorni tra Corso Rosmini e via Stoppani a Rovereto con il suo punto vendita di vischio, muschio e rami di pungitopo e di agrifoglio provenienti dal suo giardino che si trova sul pendio che sale verso il colle di Miravalle
DAL BLOG
Di Sergio Ferrari - 03 dicembre 2017

 Laureato in Scienze Agrarie all'Università di Padova, dal 1961 al 1994 è stato docente all'Istituto Agrario di San Michele

Dal 25 novembre Sergio Baroni di Lizzanella è presente tutti i giorni tra Corso Rosmini e via Stoppani a Rovereto con il suo punto vendita di vischio, muschio e rami di pungitopo e di agrifoglio provenienti dal suo giardino che si trova sul pendio che sale verso il colle di Miravalle.

 

Lo fa da 51 anni. Il materiale in vendita è frutto di coltivazione in proprio, fatta eccezione per il muschio che raccoglie nei luoghi conosciuti fin da ragazzo. Negli anni è riuscito a far nascere il vischio su una decina di specie arboree e arbustive.

 

Compreso l’olivo e l’oleandro che sono piante sempreverdi. Utilizzando bacche raccolte  dal vischio cresciuto su queste due ultime specie perenni, spera di riuscire a far nascere vischio su piante di agrifoglio. Ottenendo così due piante benauguranti cresciute sulla stessa matrice.

 

Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 24 ottobre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

26 ottobre - 06:10

Da inizio ottobre i ricoveri negli ospedali sono tornati ad aumentare e nelle Rsa la situazione è drammatica. Il presidente dell'Ordine degli Infermieri spiega: "I ricoveri stanno aumentano e così anche i bisogni dei pazienti. Ci preoccupano le settimane e i mesi difficili che ci troviamo davanti perché gli infermieri sono sfiniti e provati"

25 ottobre - 20:30

Se le incertezze sono tante, tantissime, e il momento è delicato per l'emergenza Covid-19, le parole del presidente Maurizio Fugatti non aiutano a chiarire nulla o quasi. Non si capisce il senso di una conferenza stampa convocata in questo modo e di questo tenore per spiegare quanto succede in Trentino alla luce dell'ultimo Dpcm del premier Giuseppe Conte

25 ottobre - 20:07

Sono state poi registrate 12 positività tra bambini e ragazzi in età scolare e sono in corso le verifiche per procedere alla quarantena di altre classi, che attualmente riguarda 122 unità

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato