Contenuto sponsorizzato

Sergio Baroni, da 51 anni il re del vischio

Nel periodo del Natale è presente tutti i giorni tra Corso Rosmini e via Stoppani a Rovereto con il suo punto vendita di vischio, muschio e rami di pungitopo e di agrifoglio provenienti dal suo giardino che si trova sul pendio che sale verso il colle di Miravalle
DAL BLOG
Di Sergio Ferrari - 03 December 2017

 Laureato in Scienze Agrarie all'Università di Padova, dal 1961 al 1994 è stato docente all'Istituto Agrario di San Michele

Dal 25 novembre Sergio Baroni di Lizzanella è presente tutti i giorni tra Corso Rosmini e via Stoppani a Rovereto con il suo punto vendita di vischio, muschio e rami di pungitopo e di agrifoglio provenienti dal suo giardino che si trova sul pendio che sale verso il colle di Miravalle.

 

Lo fa da 51 anni. Il materiale in vendita è frutto di coltivazione in proprio, fatta eccezione per il muschio che raccoglie nei luoghi conosciuti fin da ragazzo. Negli anni è riuscito a far nascere il vischio su una decina di specie arboree e arbustive.

 

Compreso l’olivo e l’oleandro che sono piante sempreverdi. Utilizzando bacche raccolte  dal vischio cresciuto su queste due ultime specie perenni, spera di riuscire a far nascere vischio su piante di agrifoglio. Ottenendo così due piante benauguranti cresciute sulla stessa matrice.

 

Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 25 febbraio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

26 February - 15:18

Se l'Rt è inferiore a 1 ma il rischio calcolato sui 21 indicatori risulta essere ''Alto'' si entra comunque in arancione, come questa settimana dovrebbe essere successo a tre regioni: Lombardia, Piemonte e Marche. Queste vanno ad aggiungersi alle confermate Abruzzo, Campania, Emilia Romagna, Toscana, Provincia autonoma di Trento e Umbria. Potrebbe esserci la prima regione bianca mentre una diventa rossa

26 February - 12:36

Continua a correre il contagio da Coronavirus in Alto Adige. Sono 350 le persone risultate positive nelle ultime 24 ore. Ancora pesante il bilancio dei decessi. Con gli ultimi 7 il numero di vittime in questa seconda fase sale a 730

26 February - 12:16

Gli agenti hanno verificato che i giovani non indossavano la mascherina e non rispettavano le distanze

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato