Contenuto sponsorizzato

Sergio Baroni, da 51 anni il re del vischio

Nel periodo del Natale è presente tutti i giorni tra Corso Rosmini e via Stoppani a Rovereto con il suo punto vendita di vischio, muschio e rami di pungitopo e di agrifoglio provenienti dal suo giardino che si trova sul pendio che sale verso il colle di Miravalle
Dal blog di Sergio Ferrari - 03 dicembre 2017 - 10:10

Dal 25 novembre Sergio Baroni di Lizzanella è presente tutti i giorni tra Corso Rosmini e via Stoppani a Rovereto con il suo punto vendita di vischio, muschio e rami di pungitopo e di agrifoglio provenienti dal suo giardino che si trova sul pendio che sale verso il colle di Miravalle.

 

Lo fa da 51 anni. Il materiale in vendita è frutto di coltivazione in proprio, fatta eccezione per il muschio che raccoglie nei luoghi conosciuti fin da ragazzo. Negli anni è riuscito a far nascere il vischio su una decina di specie arboree e arbustive.

 

Compreso l’olivo e l’oleandro che sono piante sempreverdi. Utilizzando bacche raccolte  dal vischio cresciuto su queste due ultime specie perenni, spera di riuscire a far nascere vischio su piante di agrifoglio. Ottenendo così due piante benauguranti cresciute sulla stessa matrice.

 

Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.20 del 18 Ottobre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

19 ottobre - 06:01

Con l'appello si chiede la progressiva eliminazione dell'uso dei pesticidi di sintesi in agricoltura e l'istituzione di un biodistretto sull'intero territorio della regione. Sono tre i candidati presidenti che fino ad oggi hanno firmato: Antonella Valer, Filippo Castaldini e Filippo Degasperi.

18 ottobre - 20:21

In moltissimi questo pomeriggio ad accogliere Silvio Berlusconi a Trento. Toni molti duri nei confronti del Governo che "sta facendo fare brutta figura all'Italia" e verso i 5 Stelle "Che non sanno fare nulla" 

18 ottobre - 19:43

Preoccupato per le politiche nazionali che potrebbero minare l'unità dell'Europa: "Una scelta suicida affidarsi a loro perché la vostra autonomia è nata dentro l'Europa unita". Giorgio Tonini: "Salvini non ha nemmeno permesso a Fugatti di mettere il suo nome nel simbolo. Che autonomia sarà se nemmeno il governatore sarà autonomo dal governo nazionale?"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato