Contenuto sponsorizzato

Taglio delle radici per i frutteti troppo vigorosi. Ok, ma solo se c'è molta acqua

Il messaggio è in linea con la conoscenza della fisiologia delle piante di melo. Ma si discosta dal protocollo di frutticoltura sostenibile promosso in Trentino da Apot e dalla stessa Provincia
DAL BLOG
Di Sergio Ferrari - 01 luglio 2018

 Laureato in Scienze Agrarie all'Università di Padova, dal 1961 al 1994 è stato docente all'Istituto Agrario di San Michele

Una circolare diffusa dal Centro di consulenza per la frutti-viticoltura dell’Alto Adige in data 12 giugno 2018 è dedicata alla regolazione dello sviluppo nei frutteti a forte vigoria.

 

Dopo la cascola di giugno, recita la circolare, è possibile un taglio delle radici. In generale conviene eseguirlo nei frutteti con ridotta carica produttiva, con forte sviluppo dei getti e/o su varietà con frutti di grande dimensione. La premessa irrinunciabile per effettuare questa operazione è la disponibilità di acqua irrigua.

 

Il messaggio è in linea con la conoscenza della fisiologia delle piante di melo. Ma si discosta dal protocollo di frutticoltura sostenibile promosso in Trentino da Apot e dalla stessa Provincia di Trento. Non risulta che il taglio delle radici sia applicato in Trentino.

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
21 luglio - 13:24
Nella nuova ordinanza di abbattimento di Fugatti si legge parte della ricostruzione dell'incidente dove si ammette anche che la femmina di orso ha [...]
Cronaca
21 luglio - 12:43
La proprietaria di Cillian: "Sono stata ingannata per ricevere la ricompensa promessa e ho ricevuto segnalazioni che non hanno portato a [...]
Cronaca
21 luglio - 12:37
I referenti di Lav: "Chiediamo con forza il ritiro dell’ordinanza e l'immediata interdizione temporanea dei sentieri nelle aree dove si trovano [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato