Contenuto sponsorizzato

Troppo caldo e le piante di Natale restano senza bacche

Purtroppo il caldo eccessivo che ha caratterizzato la stagione in almeno 4 periodi ha causato la caduta anticipata di molte bacche sulle tre specie selvatiche e coltivate
DAL BLOG
Di Sergio Ferrari - 29 settembre 2019

 Laureato in Scienze Agrarie all'Università di Padova, dal 1961 al 1994 è stato docente all'Istituto Agrario di San Michele

Anche quest’anno, a partire dalla metà di dicembre Sergio Baroni, re del vischio di Rovereto, sarà presente per la 52° volta al solito punto vendita di piante beneauguranti situato all’incrocio di corso Rosmini con una via laterale.

 

L’infaticabile raccoglitore e coltivatore di vischio, agrifoglio e pungitopo ha iniziato per tempo la selezione del materiale da mettere in vendita.

 

Purtroppo il caldo eccessivo che ha caratterizzato la stagione in almeno 4 periodi ha causato la caduta anticipata di molte bacche sulle tre specie selvatiche e coltivate.

 

Le bacche sono l’elemento decorativo necessario per il ruolo di addobbo tradizionale.

 

La caduta delle bacche, dice Baroni, si è verificata nonostante ripetute innaffiature eseguite non solo nel giardino-laboratorio di Lizzanella, ma anche nei boschi tradizionali luoghi di prelievo.

Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 06 dicembre 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

06 dicembre - 19:12

Tantissimi i giovani e le famiglie che sono arrivate a Trento accogliendo la proposta del popolo delle sardine di scendere in piazza per ribadire la loro distanza da odio, rabbia e populismo

06 dicembre - 17:07

L'ex presidente della Pat ribadisce oggi la sua distanza dalla Lega di Salvini con un messaggio di solidarietà alle tante persone che tra poco si riuniranno in Piazza Dante: ''Non ci sarò perché penso loro preferiscano essere neutre politicamente. Ma faccio tanti auguri!''

06 dicembre - 11:12

Le abbondanti precipitazioni nevose delle ultime settimane hanno favorito l'inizio della stagione del letargo. Ecco quindi un orso che, sul Brenta orientale, è impegnato a raccogliere materiale vegetale per prepararsi la tana in vista del letargo

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato