Contenuto sponsorizzato

Trota marmorata, al via la semina di uova embrione

Le associazioni di pescatori dilettanti che operano in Trentino sono più di 20 e si occupano soprattutto di allevamento e di distribuzione programmata di materiale ittico da ripopolamento
DAL BLOG
Di Sergio Ferrari - 13 gennaio 2019

 Laureato in Scienze Agrarie all'Università di Padova, dal 1961 al 1994 è stato docente all'Istituto Agrario di San Michele

Le associazioni di pescatori dilettanti che operano in Trentino sono più di 20 e si occupano soprattutto di allevamento e di distribuzione programmata di materiale ittico da ripopolamento.

 

Nei primi mesi dell’anno, dice Leonardo Pontalti ittiologo dell’Ufficio caccia e pesca della Provincia di Trento, particolare cura e attenzione è riservata al collocamento lungo i corsi d’acqua di contenitori di uova embrionate di trota marmorata denominati scatole Vibert.

 

Sono facili da collocare, afferma Pontalti. Le uova embrionate sono fornite da una pescicoltura di Vigolo Vattaro.

 

Gli embrioni contenuti nell’uovo si sviluppano gradualmente adattandosi alle condizioni mutevoli del corso d’acqua.

 

Questa gradualità non sussiste se il materiale da ripopolamento è costituito da avannotti e/o trotelle di varia età e dimensione

Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 27 maggio 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

28 maggio - 18:49

Ci sono 5.423 casi e 466 decessi in Trentino per l'emergenza coronavirus. I tamponi analizzati sono stati 1.132 (769 letti da Apss e 363 da Fondazione Mach) per un rapporto contagi/tampone che si attesta a 0,35% 

28 maggio - 18:30

Il Trentino si porta così complessivamente a 5.423 casi, mentre resta a 466 decessi da inizio epidemia. Un nuovo caso riguarda un ospite in Rsa. Sono 3 i pazienti ricoverati in terapia intensiva all'ospedale di Rovereto

28 maggio - 13:14

Triage telefonico con il medico e una scheda a crocette per stabilire il grado di rischio infettività prima di un ricovero in ospedale, Ghezzi: “Si stima che oltre il 40% dei positivi siano asintomatici ma le indicazioni prevedono di tamponare solo i sintomatici o i loro contatti, così c'è il rischio di fare entrare inconsapevolmente il virus in ospedale, Segnana ne è consapevole?”

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato