Contenuto sponsorizzato

Ultimo trattamento di stagione contro la Varroa

Il momento dell’intervento, dice l’esperto Paolo Fontana della Fondazione Mach, varia secondo l’altitudine alla quale è a sua volta collegata la sospensione della covata
DAL BLOG
Di Sergio Ferrari - 18 November 2020

 Laureato in Scienze Agrarie all'Università di Padova, dal 1961 al 1994 è stato docente all'Istituto Agrario di San Michele

Il trattamento di fine stagione contro la Varroa va eseguito prima dell’inverno in assenza di covata seguendo due modalità alternative: per gocciolamento o facendo sublimare (da solido a gas) il prodotto posto su una piastra elettrificata da introdurre nell’alveare attraverso l’apertura basale dell’arnia.

 

Il momento dell’intervento, dice l’esperto Paolo Fontana della Fondazione Mach, varia secondo l’altitudine alla quale è a sua volta collegata la sospensione della covata.

 

Quindi parla di trattamento in assenza di covata. Marco Facchinelli, presidente dell’Associazione apicoltori trentini, informa che negli ultimi due mesi l’acaro succhia sangue è ricomparso in misura consistente in varie zone del Trentino.

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
28 novembre - 12:53
La tragedia è avvenuta nel Bellunese. Il piccolo aveva la febbre ed è stato portato in ospedale. Poi, vista la gravità della situazione, è [...]
Ambiente
28 novembre - 13:32
Dopo l'appuntamento del 29 ottobre il gruppo "Dai neta" è tornato in azione, ripulendo il sentiero che costeggia via Tiella e conduce al "bosco [...]
Economia
28 novembre - 13:19
Continuano le polemiche sulla piscina di Arco. Degasperi: "I giovani nuotatori, mortificati dalle scelte della giunta di Arco saranno costretti a [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato