Contenuto sponsorizzato

Un moderno impianto ha trasformato Taio nel centro strategico delle ciliegie del Trentino

Arrivate al centro di lavorazione di Taio, le ciliegie vengono fatte passare attraverso un tunnel di raffreddamento e poi messe temporaneamente in celle frigo
DAL BLOG
Di Sergio Ferrari - 06 luglio 2018

 Laureato in Scienze Agrarie all'Università di Padova, dal 1961 al 1994 è stato docente all'Istituto Agrario di San Michele

La Cocea di Taio rappresenta il centro strategico per le ciliegie prodotte in Val di Non e di quelle conferite dal consorzio la Trentina provenienti dalla Valsugana e dalle Giudicarie. Il centro ha assunto questo ruolo dopo l’acquisto avvenuto 3 anni fa di un moderno impianto di lavorazione delle ciliegie.

 

I produttori conferiscono il prodotto ai centri di raccolta di Denno e di Revò e alla stessa Cocea. La consegna deve avvenire entro poche ore dalla raccolta. Arrivate al centro di lavorazione di Taio, le ciliegie vengono fatte passare attraverso un tunnel di raffreddamento e poi messe temporaneamente in celle frigo.

 

Prima del confezionamento le ciliegie sono sottoposte a selezione digitalizzata che le distingue per colore, pezzatura e presenza eventuale di uova o larve di drosofila.

Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 19 settembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

23 settembre - 19:24

Sono 6.405 casi e 470 decessi in Trentino per l'emergenza coronavirus. Nelle ultime 24 ore sono stati analizzati 2.227 tamponi, 22 i test risultati positivi per un rapporto che si attesta a 0,99%

22 settembre - 17:37

La campagna elettorale si fa (anche) a suon di carta (volantini, biglietti da visita, brochure) che, spesso, copre le nostre città. Una lista civica di Brentonico ha, quindi, cercato di trovare una soluzione ecologica e sostenibile: "Abbiamo utilizzato una carta biodegradabile con all'interno dei semi. Il bigliettino da visita può così essere 'piantato' per far germogliare dei fiori amici degli insetti impollinatori"

23 settembre - 18:46

La Corte di Cassazione, sezione civile, respingendo il ricorso di Durnwalder e Erhard ha confermato così l’esecutività della sentenza della Corte dei Conti: i due ex amministratori provinciali dovranno versare 468.000 € ciascuno nelle casse dello Stato

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato