Contenuto sponsorizzato

Un progetto per il rilancio della viticoltura in Valle Giudicarie, tre le possibilità al vaglio

Il progetto è sostenuto da 30 mila del Bim delle Giudicarie e viene promosso dall'Associazione Culturnova e gestito da Marco Serafini esperto di genetica vitivinicola della Fondazione Mach
DAL BLOG
Di Sergio Ferrari - 28 novembre 2016

 Laureato in Scienze Agrarie all'Università di Padova, dal 1961 al 1994 è stato docente all'Istituto Agrario di San Michele

E’sostenuto da un contributo di 30 mila euro da parte del Bim delle Giudicarie, promosso dall’Associazione Culturnova e gestito da Marco Stefanini esperto di genetica viticola della Fondazione Mach, il progetto di rilancio della viticoltura nelle Valli Giudicarie.

 

Nel corso di un convegno che si è svolto a Cimego il 13 novembre 2016 il professor Attilio Scienza dell’Università di Milano ha affermato che nel territorio giudicariese era già presente e florida, in tempi lontani, una viticoltura di tipo familiare e che l’ambiente si presta ancora oggi ad un suo ripristino su basi rinnovate.

 

Si tratta di stabilire quali siano i vitigni più convenienti. I pareri sono divisi fra tre alternative: vitigni antichi da ripristinare; vitigni resistenti alle malattie quali Bronner e Solaris; varietà pregiate di montagna già provate con successo. Si fa riferimento per la terza ipotesi ai vitigni Chardonnay, Kerner e Muller Thurgau già coltivati nei 15 ettari di vigneto gestiti da viticoltori che conferiscono l’uva alla cantina Toblino di Sarche

Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 24 novembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

24 novembre - 19:26

Sono 478 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 42 pazienti sono in terapia intensiva e 51 in alta intensità. Sono stati trovati 143 positivi a fronte dell'analisi di 2.235 tamponi​ molecolari per un rapporto contagi/tamponi al 6,4%

24 novembre - 19:49

Un'operazione di questo tipo non era mai stata messa in campo nemmeno nella prima ondata ma la situazione è preoccupante e i positivi sono diversi sia tra i permanenti che nella protezione civile. Lo screening con tamponi molecolari avverrà a partire da mercoledì

24 novembre - 21:37

L'Apss ha elaborato nuove linee guida per la gestione dei casi positivi nei luoghi di lavoro. Un intervento sollecitato anche da Cgil, Cisl e Uil in quanto in materia Covid, isolamenti e quarantene le procedure sono diventate piuttosto caotiche

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato