Contenuto sponsorizzato

Università di Torino al lavoro per sconfiggere la cimice asiatica: c'è la possibilità di ucciderne le uova

Lo studio si basa sul fatto che la femmina dopo aver rilasciato sulla pianta il complesso delle uova raccolte nelle ben note ovature le copre con uno strato di batteri che ne salvaguardano la sopravvivenza
DAL BLOG
Di Sergio Ferrari - 02 febbraio 2020

 Laureato in Scienze Agrarie all'Università di Padova, dal 1961 al 1994 è stato docente all'Istituto Agrario di San Michele

Ricercatori dell’Università di Torino studiano la possibilità di provocare la morte delle uova di cimice asiatica trattando la superficie delle ovature con sostanze antibatteriche e/o batteriostatiche.

 

Lo studio si basa sul fatto che la femmina dopo aver rilasciato sulla pianta il complesso delle uova raccolte nelle ben note ovature le copre con uno strato di batteri che ne salvaguardano la sopravvivenza. Le sostanze battericide o batteriostatiche devitalizzano i batteri protettivi e le uova soccombono.

 

"Le ricerche sono ancora nella fase iniziale", dice Gianfranco Anfora della Fondazione Mach, che è in contatto collaborativo con l’Università di Torino. Una parte delle ovature viene deposta anche fuori dal frutteto che si vuole difendere.

 

Disperdere sostanze battericide o batteriostatiche fuori dal campo coltivato rappresenta inoltre un’incognita per l’equilibrio biologico dell’ecosistema.

Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 29 ottobre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

30 ottobre - 04:01

Una seconda ondata del coronavirus che sembra aver preso la direzione di un andamento più ''standardizzato'' per la diffusione di un'epidemia che solitamente si propaga e dovrebbe avere tassi maggiori nelle zone più popolate. E infatti Trento, questa volta sta facendo registrare dei dati molto alti di contagio. In ottobre triplicati i casi di settembre: quasi 10 mila positività da inizio epidemia

29 ottobre - 20:14

Ci sono 118 persone nelle strutture ospedaliere di Trento e Rovereto, 9 pazienti si trovano nel reparto di terapia intensiva e 8 in alta intensità. Nelle ultime 24 ore sono stati trovati 173 positivi a fronte dell'analisi di 3.132 tamponi molecolari per un rapporto contagi/tamponi al 5,5%

29 ottobre - 20:14

L'appello dell'Azienda provinciale per i servizi sanitari: "Bisogna cambiare la strategia di sanità pubblica, chiunque presenti una sindrome influenzale si metta in isolamento fino ai risultati dei test"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato