Contenuto sponsorizzato

Università di Torino al lavoro per sconfiggere la cimice asiatica: c'è la possibilità di ucciderne le uova

Lo studio si basa sul fatto che la femmina dopo aver rilasciato sulla pianta il complesso delle uova raccolte nelle ben note ovature le copre con uno strato di batteri che ne salvaguardano la sopravvivenza
DAL BLOG
Di Sergio Ferrari - 02 febbraio 2020

 Laureato in Scienze Agrarie all'Università di Padova, dal 1961 al 1994 è stato docente all'Istituto Agrario di San Michele

Ricercatori dell’Università di Torino studiano la possibilità di provocare la morte delle uova di cimice asiatica trattando la superficie delle ovature con sostanze antibatteriche e/o batteriostatiche.

 

Lo studio si basa sul fatto che la femmina dopo aver rilasciato sulla pianta il complesso delle uova raccolte nelle ben note ovature le copre con uno strato di batteri che ne salvaguardano la sopravvivenza. Le sostanze battericide o batteriostatiche devitalizzano i batteri protettivi e le uova soccombono.

 

"Le ricerche sono ancora nella fase iniziale", dice Gianfranco Anfora della Fondazione Mach, che è in contatto collaborativo con l’Università di Torino. Una parte delle ovature viene deposta anche fuori dal frutteto che si vuole difendere.

 

Disperdere sostanze battericide o batteriostatiche fuori dal campo coltivato rappresenta inoltre un’incognita per l’equilibrio biologico dell’ecosistema.

Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 22 aprile 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
23 aprile - 18:54
Ecco dove sono stati trovati i 93 nuovi contagiati in Trentino: dai 29 di Trento ai 4 di Cavalese e Pergine. Oggi si registrano 20 nuovi casi [...]
Politica
23 aprile - 17:52
Uil Fpl Enti Locali: “Malgrado le nostre continue sollecitazioni sindacali, la contrarietà del personale, la diffidenza degli Enti del [...]
Società
23 aprile - 15:42
Da alcuni giorni sta girando sui social con moltissime condivisioni e visualizzazioni un video che pare girato in Val di Fassa ma risale al 2011 ed [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato