Contenuto sponsorizzato

Uva da spumante, sospesa la vendemmia nei vigneti situati sopra i 500 metri di altitudine

Le abbondanti piogge di fine agosto hanno determinato soprattutto nei vigneti situati a quote basse segni di cedimento degli acini gonfi di acqua con conseguente inizio di marciume
DAL BLOG
Di Sergio Ferrari - 13 settembre 2020

 Laureato in Scienze Agrarie all'Università di Padova, dal 1961 al 1994 è stato docente all'Istituto Agrario di San Michele

Alla data del 10 settembre la quantità di uve da spumante Chardonnay e Pinot nero conferite alle Cantine Ferrari ha raggiunto il 70% degli 80 mila quintali preventivati. Lo afferma Luca Pedron che coordina gli agronomi incaricati di seguire per conto dell’azienda la produzione dell’uva nei 700 vigneti convenzionati durante tutte le fasi della stagione vegeto-produttiva.

 

In accordo con l’enologo Ruben Larentis responsabile del comparto è stata temporaneamente sospesa la vendemmia delle uve nei vigneti situati sopra i 500 metri di altitudine in attesa che i grappoli completino la maturazione.

 

Pedron conferma inoltre la sostanziale differenza strutturale tra le uve prodotte da viti allevate a pergola (buccia più fine) e quelle prodotte da viti allevate a spalliera: buccia più spessa che resiste al disfacimento dell’acino. Le abbondanti piogge di fine agosto hanno determinato soprattutto nei vigneti situati a quote basse segni di cedimento degli acini gonfi di acqua con conseguente inizio di marciume. La cernita delle partite di uva si è quindi resa obbligatoria prima del conferimento.

Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.08 del 18 Settembre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

19 settembre - 13:12

Il 19 settembre 2019 il Parlamento europeo votava una mozione sull'importanza della memoria, suscitando diverse proteste tra gli ex comunisti (e gli storici) italiani, che gridarono alla banalizzazione della storia e a un'inaccettabile equiparazione tra nazismo e comunismo. Lo storico Marcello Flores D'Arcais: "Il documento, coi suoi limiti, esprime il desiderio dell'Europa di costruire un racconto comune del passato. Il clamore suscitato in Italia fu dovuto al rifiuto della storia in nome dell'identità"

19 settembre - 12:36

L'allerta è scattata intorno alle 7.30 di oggi, sabato 19 settembre, sull'Agner. Il 23enne stava procedendo in conserva insieme al compagno di cordata sulla parte sommitale dello zoccolo dello Spigolo nord. In azione il Pelikan di Bolzano, il Soccorso alpino di Agordo e l'equipe medica

19 settembre - 11:02

Salgono a quasi 1800 le persone in quarantena e di queste una cinquantina sono di ritorno da Croazia, Grecia, Spagna o Malta. Il rapporto tamponi – contagi rimane sopra l'1% 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato