Contenuto sponsorizzato

La nuova pista ciclopedonale Fondo-Mendola, al via il secondo lotto dei lavori

Un intervento molto atteso per gli appassionati delle bici e non solo con l'estensione dell'anello dell'Alta Val di Non inaugurato nel 2012 e lungo 32 chilometri

Pubblicato il - 15 ottobre 2017 - 09:46

TRENTO. Prenderanno il via domani i lavori per il secondo lotto della nuova pista ciclopedonale da Waldheim al passo della Mendola, della nuova pista ciclopedonale Fondo – Mendola. Un intervento molto atteso per gli appassionati delle bici e non solo con l'estensione dell'anello dell'Alta Val di Non inaugurato nel 2012 e lungo 32 chilometri.

 

"La ciclopedonale Fondo – Mendola - spiega l'assessore ai lavori pubblici e ai trasporti Mauro Gilmozzi - è stata ideata per offrire ai turisti provenienti dalla zona di Bolzano e del Lago di Caldaro la possibilità di scendere in Alta Valle di Non. Inoltre costituirà un tassello importante per l’anello ciclabile del monte Roen, già molto praticato dal ciclista sportivo che va dal Passo Mendola a Dermulo, a Mezzocorona, ad Appiano e nuovamente al Passo Mendola. Non va infine trascurata anche la ricaduta sulla mobilità sostenibile, in quanto permetterà agli abitanti di Ruffrè e della Mendola di avere un collegamento ciclopedonale protetto e sicuro con l’altopiano dell’Alta Val di Non".

 

L’opera consiste nella realizzazione di un nuovo itinerario ciclopedonale lungo quasi 16 km che collegherà in sicurezza l’abitato di Fondo con quelli di Malosco, Ronzone, Ruffrè e Mendola. Sarà costituito da tratti promiscui urbani lunghi 5,4 km, da tratti promiscui extraurbani per 0,9 km e da tratti di piste ciclopedonali larghe 2,7 m per un’estensione di circa 9,5 km.


Con il completamento del prossimo lotto da Fondo al Waldheim l’offerta turistica di piste ciclabili in Alta Val di Non raggiungerà un'estensione di 48 km, di cui 41 asfaltati e 7 sterrati. 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.58 del 03 Marzo
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

04 marzo - 19:16

Nuovi riscontri alla diffusione della variante inglese in Provincia, dopo il caso dei dipendenti della Cassa Rurale della Val di Fiemme anche 15 dipendenti di una fabbrica di Trento sono stati contagiati dalla stessa mutazione. Ferro: “La variante inglese ha una grande capacità di contagio soprattutto nei luoghi chiusi”

04 marzo - 18:00

Le misure che entreranno in vigore sono del tutto simili a quelle che vennero adottate per i Comuni di Cembra Lisignago, Castello Tesino, Bedollo e Baselga di Pinè. L'ordinanza rimarrà in vigore fino al 19 marzo 

04 marzo - 18:57

Tre di questi nuovi casi sono stati riscontrati rispettivamente in tre nuovi comuni altoatesini. Attualmente è in corso il contact tracing per verificare se e come i nuovi casi siano correlati ad altri già noti

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato