Contenuto sponsorizzato

Profugo morto folgorato al Brennero, è la quinta vittima. I sindacati di polizia: "Siamo in pochi per fronteggiare queste tragedie"

I migranti, nel loro viaggio, muoiono anche in montagna. Coisp e Siulp: "Sono solo setti gli agenti alla Polfer ed una manciata di uomini al commissariato che da soli scoprono e gestiscono tragedie umane come questa"

Di db - 25 dicembre 2017 - 17:31

BOLZANO. Il sindacato di Polizia lancia un grido di allarme e chiede più attenzione per una realtà 'di frontiera' che ormai troppe volte ha dovuto fare i conti con una tragedia che tutti credevano lontana, confinata al braccio di mare che separa Lampedusa dal Nord Africa

 

I migranti, nel loro viaggio, muoiono anche in montagna, e sono ormai 5 i cadaveri recuperati lungo l'asse ferroviaria del Brennero, soprattutto nella zona di competenza sudtirolese. Sono tante anche le segnalazioni di migranti stipati come sardine dentro i container che attraversano il confine, che pagano fior di soldi i passeur che gestiscono il traffico. 

 

"Al Brennero l'ennesima tragedia - scrivono i sindacati Siulp e Coisp - un migrante folgorato sul tetto di un vagone merci. Un morto che, purtroppo, dimostra che non esiste una strategia politica nella gestione dei flussi migratori, dove i primi e gli ultimi a vedere queste persone vive siamo noi poliziotti".

 

"Pochi, sempre e comunque, troppo pochi per potere qualcosa di più di quanto stiamo facendo". Parole amare che però sono anche di denuncia: "Ci si renderà conto questa volta che gli uffici di polizia del Brennero non sono l'ultimo sperduto posto di confine".

 

Sono setti gli agenti alla Polfer ed una manciata di uomini al commissariato che da soli scoprono e gestiscono tragedie umane che si ripropongono, da molto tempo, "senza che sia nemmeno stato dato corso all'istituzione formale di un posto di polizia scientifica, ad un rinforzo degli organici che non servano a rispondere ad un'emergenza che esiste da anni".

 

"Una struttura come il Brennero - affermano - deve essere adeguata al compito a cui deve rispondere, ma soprattutto mancavano, mancano e mancheranno le scelte politiche. I controlli di polizia non possono evitare queste tragedie, così come i poliziotti austriaci e tedeschi che ci affiancano operando nel nostro territorio".

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 29 ottobre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

30 ottobre - 20:13

Ci sono 127 persone nelle strutture ospedaliere di Trento e Rovereto, 9 pazienti si trovano nel reparto di terapia intensiva e 12 in alta intensità. Nelle ultime 24 ore sono stati trovati 222 positivi a fronte dell'analisi di 2.861 tamponi molecolari per un rapporto contagi/tamponi al 7,6%

30 ottobre - 18:15

La misura introdotta per evitare assembramenti: l’1 e il 2 novembre i cimiteri di tutto il Trentino rimarranno chiusi. Fugatti: “L’azienda sanitaria ci segnala un rischio aumento dei contagi sugli anziani, una settimana dopo le feste di Ognissanti”

30 ottobre - 20:57

Questi alcuni commenti durante la diretta della Provincia per aggiornare il territorio sulla situazione epidemiologica. Rossi (Patt): "Fugatti deve dissociarsi subito e anche prendere provvedimenti altrimenti vuol dire che condivide"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato