Contenuto sponsorizzato

Profugo morto folgorato al Brennero, è la quinta vittima. I sindacati di polizia: "Siamo in pochi per fronteggiare queste tragedie"

I migranti, nel loro viaggio, muoiono anche in montagna. Coisp e Siulp: "Sono solo setti gli agenti alla Polfer ed una manciata di uomini al commissariato che da soli scoprono e gestiscono tragedie umane come questa"

Di db - 25 December 2017 - 17:31

BOLZANO. Il sindacato di Polizia lancia un grido di allarme e chiede più attenzione per una realtà 'di frontiera' che ormai troppe volte ha dovuto fare i conti con una tragedia che tutti credevano lontana, confinata al braccio di mare che separa Lampedusa dal Nord Africa

 

I migranti, nel loro viaggio, muoiono anche in montagna, e sono ormai 5 i cadaveri recuperati lungo l'asse ferroviaria del Brennero, soprattutto nella zona di competenza sudtirolese. Sono tante anche le segnalazioni di migranti stipati come sardine dentro i container che attraversano il confine, che pagano fior di soldi i passeur che gestiscono il traffico. 

 

"Al Brennero l'ennesima tragedia - scrivono i sindacati Siulp e Coisp - un migrante folgorato sul tetto di un vagone merci. Un morto che, purtroppo, dimostra che non esiste una strategia politica nella gestione dei flussi migratori, dove i primi e gli ultimi a vedere queste persone vive siamo noi poliziotti".

 

"Pochi, sempre e comunque, troppo pochi per potere qualcosa di più di quanto stiamo facendo". Parole amare che però sono anche di denuncia: "Ci si renderà conto questa volta che gli uffici di polizia del Brennero non sono l'ultimo sperduto posto di confine".

 

Sono setti gli agenti alla Polfer ed una manciata di uomini al commissariato che da soli scoprono e gestiscono tragedie umane che si ripropongono, da molto tempo, "senza che sia nemmeno stato dato corso all'istituzione formale di un posto di polizia scientifica, ad un rinforzo degli organici che non servano a rispondere ad un'emergenza che esiste da anni".

 

"Una struttura come il Brennero - affermano - deve essere adeguata al compito a cui deve rispondere, ma soprattutto mancavano, mancano e mancheranno le scelte politiche. I controlli di polizia non possono evitare queste tragedie, così come i poliziotti austriaci e tedeschi che ci affiancano operando nel nostro territorio".

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.58 del 03 Marzo
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

04 March - 05:01

Nei giorni scorsi ha chiuso il punto vendita Gaudì, uno dei principali negozi di abbigliamento in centro storico a Trento. Ma ci sono anche altre catene, di abbigliamento e arredamento, che potrebbero essere pronte a fare le valige nei prossimi mesi. Massimo Piffer: ''Non dobbiamo abbandonare la piazza, i rapporti umani e i confronti. Abbiamo bisogno di una riprogrammazione urbanistica commerciale''

04 March - 09:15

L'operazione rientra nell'impegno da parte delle forze dell'ordine nel contrasto al consumo di sostanze stupefacenti, da parte dei più giovani

04 March - 09:02

Negli ultimi giorni erano arrivate diverse segnalazioni di giovani, anche minorenni, visti intenti a consumare sostanze stupefacenti al parco

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato