Contenuto sponsorizzato

A Riva il torrente Varone fa paura, chiusa via Masetto. Gli elicotteri non possono volare, riorganizzato il soccorso sanitario

Sono oltre 500 gli interventi dei soccorsi tra ieri e oggi. Oltre ai permanenti, tutti i vigili del fuoco volontari impegnati su tutto il territorio per garantire la massima sicurezza. Nella giornata di domani saranno rimodulati i servizi di trasporto sulla linea Trento-Malé-Mezzana

Torrente Canali a Primiero
Di L.A. - 29 ottobre 2018 - 18:22

TRENTO. Sono oltre 500 gli interventi dei soccorsi tra ieri e oggi. Una ventina le strade chiuse al traffico e centinaia le chiamate alle centrali operative. Oltre ai permanenti di Trento, sono operativi tutti i vigili del fuoco volontari su tutto il territorio per garantire la massima sicurezza. 

 

Il servizio di soccorso sanitario è stato riorganizzato in quanto gli elicotteri, a causa delle condizioni di vento e visibilità, non possono volare fino alle 8.00 di domani.

 

Nel frattempo il Centro operativo comunale della Protezione civile del Comune di Riva del Garda ha deciso la chiusura immediata di via del Masetto per la prevista onda di piena del torrente Varone, che comporta il rischio di esondazione. Sono stati allertati il Corpo di polizia intercomunale Alto Garda e Ledro e la società Cartiere del Garda ai fini della immediata attivazione delle procedure previste.

 

Nel 2011 è stato eseguito un intervento di messa in sicurezza nei confronti dei possibili rischi da esondazione del torrrente Varone, mediante installazione di parapetti mobili in corrispondenza al ponte di via del Masetto, a doppia anta e incernierate sui muri d'argine, così da costituire un parapetto stradale nella normalità dei casi, e barriere atte a proteggere le aree adiacenti al torrente in caso di piene, evitando quindi la presenza di ostacoli trasversali al torrente, a esclusione del solo impalcato stradale.

 

In Provincia i geologi sono stati impegnati in una ventina di interventi per smottamenti e nei prossimi giorni potrebbero verificarsi ulteriori problemi. Nella giornata di domani saranno rimodulati i servizi di trasporto sulla linea Trento-Malé-Mezzana

TRENTINO MERIDIONALE

01. Ss 350 di Folgaria e di Val D’Astico dal loc. Carbonare di Folgaria a loc. Nosellari per smottamenti, e da loc. Buse al confine con provincia di Vicenza, per franamenti. La strada statale è chiusa anche dal Veneto.

02. Sp 90 Destra Adige II tr per allagamento della galleria di Chiusole, transito deviato lungo l’abitato.

03. Sp 90 Destra Adige dir Borghetto I tr per allagamento del sottopasso ferroviario verso Ss 12 dell’ Abetone e Brennero.

04. Sp 138 del Passo della Borcola, a monte di loc. Incapo, nel comune di Terragnolo, per smottamento.

05. Chiuso precauzionalmente, con ordinanza sindacale, il ponte sull’Adige Serravalle – Chizzola, strada locale.

 

TRENTINO OCCIDENTALE

06. Sp 34 del Lisano e Seséna per caduta massi tra bivio per Val D’Algone e loc. Rio Bianco di Stenico. Alternative Ss 237 del Caffaro e Ss 421 dei laghi di Molveno e Tenno.

07. Sp 222 del Duron per smottamento al km 11,400 loc. Bolbeno nel comune di Borgo Lares.

 

TRENTINO ORIENTALE

08. Sp 31 del Passo Manghen da loc. Bivio per Musiera nel comune di Telve fino a loc. Piazzol lato Val di Fiemme. Distrutto impalcato del ponte sul rio Piazzina, oltre che divelta la sede stradale in prossimità.

09. Sp 79 del Passo del Broccon da località Ronco, lato Vanoi fino al passo, nel comune di Canal San Bovo, per schianto di alberi.

10. Sp 56 di Caoria, tratto finale verso Refavaie, dal km 9,400 al km 10,600, nel comune di Canal San Bovo per esondazione torrente.

11. Sp 221 della Val Noana, nel comune di Imer, per pericolo caduta sassi.

12. Sp 133 di Monterovere dopo Caldonazzo al  bivio verso “Menador”, innesto con Ss 349 della Val D’Assa-Pedemontana Costo, per diversi smottamenti.

13. Sp 233 di Roveda al km 4,200 per riversamento materiale da monte.

14. Sp 224 del Passo del Redebus, a monte di Regnana a loc. Palù del Fersina per schianto alberi.

15. Sp 12 di Vignola da loc. Assizzi a loc. Compet per schianto di piante.

 

TRENTINO SETTENTRIONALE

16. Ss 48 variante di Predazzo chiusa circonvallazione con deviazione in centro abitato per pericolo caduta massi.

17. Ss 50 del Passo Rolle in loc. Belamonte per schianto alberi e Sp 81 Passo Valles dal bivio loc. Paneveggio.

18. Sp 250 di Valfloriana in loc. Fior di Bosco per smottamento.

19. Sp 240 del Cermis per esondazione rio sulla strada poco a valle della stazione intermedia.

20. Sp 90 Destra Adige V tr a nord dell’abitato di Roverè della Luna per caduta sassi lungo la Sp 14 in provincia di Bolzano.

 

TRATTE STRADALI PERCORRIBILI CON RESTRINGIMENTO DI CARREGGIATA A SENSO UNICO ALTERNATO

01. Ss 42 del Passo del Tonale e della Mendola (a due chilometri dal passo circa) per grossa radice scalzata sopra un muro di sostegno.

02. Ss 620 del Passo di Lavazè, all’intersezione con la Sp 126 della Taoletta, per cedimento rampa.

03. Ss 349 della Val D’Assa Pedemontana Costo in loc. Monterovere per crollo breve tratto di scogliera di sostentamento.

04. Sp 215 di Pampeago a chilometriche varie per piccole esondazioni.

05. Sp 48 del Monte Velo, a metà percorso tra Bolognano e Passo Santa Barbara, per smottamento blocco roccioso a lato carreggiata.

06. Sp 67 del Lovernatico, a monte dell’abitato di Campodenno in direzione Cunevo, per smottamento.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 29 ottobre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

29 ottobre - 20:14

Ci sono 118 persone nelle strutture ospedaliere di Trento e Rovereto, 9 pazienti si trovano nel reparto di terapia intensiva e 8 in alta intensità. Nelle ultime 24 ore sono stati trovati 173 positivi a fronte dell'analisi di 3.132 tamponi molecolari per un rapporto contagi/tamponi al 5,5%

29 ottobre - 20:14

L'appello dell'Azienda provinciale per i servizi sanitari: "Bisogna cambiare la strategia di sanità pubblica, chiunque presenti una sindrome influenzale si metta in isolamento fino ai risultati dei test"

29 ottobre - 18:45

Mentre in Alto Adige Kompatscher si è adeguato alle norme nazionali mettendo in sicurezza i suoi ristoratori ed esercenti per quanto riguarda l'accesso ai contributi (dopo aver preso atto che con meno clienti in circolazione non conveniva restare aperti con i rischi sanitari che ci sono) il Trentino continua con lo scontro con Roma: ''Alle 18.10 noi ancora non abbiamo visto nessuna atto ufficiale di impugnazione''

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato