Contenuto sponsorizzato

Aggrediti due controllori sulla linea 3. Per Civica Trentina è stata una ''risorsa'', un "magrebino'' ma è di Gioia del Colle

Orribile gesto ieri mattina ai danni di due verificatori che sull'autobus sono stati aggrediti da un ragazzo che non aveva il biglietto. Questo, dopo l'arrivo della polizia, nel pomeriggio era già in libertà e si è recato alla Trentino trasporti per conoscere le generalità dei due verificatori. Borga ha depositato un'interrogazione che riportiamo integralmente e si commenta da sé

Di Luca Pianesi - 24 aprile 2018 - 18:38

TRENTO. Era sulla linea 3, intorno alle 10 del mattino di ieri, tra Piazza Fiera e Ponte dei Cavalleggeri quando ha dato in escandescenza e aggredito due verificatori di Trentino trasporti. Nel tentativo di scappare, ha travolto una passeggera e a quel punto un verificatore di un'altra squadra che si trovava sul lato opposto della strada ha chiamato le forze dell'ordine che in poco tempo sono giunte sul posto e hanno fermato l'uomo.

 

Questi, un ragazzo di origine nord africana, poche ore dopo, però, era già a piede libero e ha pensato bene di andare dritto dritto da Trentino trasporti per chiedere le generalità dei due verificatori e i filmati della videosorveglianza del bus perché, a detta sua, uno dei due controllori, una ragazza, si sarebbe fatta male non per colpa sua ma per la guida a scatti dell'autista. L'uomo pare volesse tutelarsi da eventuali denunce nei suoi confronti. Ovviamente i responsabili di Trentino trasporti si sono limitati a prendere le generalità dell'uomo.

 

Un atto deprecabile che è stato oggetto anche di un'orribile interrogazione di Civica Trentina a firma Rodolfo Borga. Un'interrogazione che par essere interessata più che al fatto in sé ad una sorta di regolamento dei conti di stampo etnico. Un esempio di mala politica che forte di preconcetti e pregiudizi si serve di parole come ''risorsa'' e parla di un generico ''maghrebino'' denotando solo una grande ignoranza e dando fiato ai soliti siti locali che fomentano rabbia e attriti. Ebbene il soggetto in questione è un delinquente e basta. Per la precisione nato a Gioia del Colle, cittadino italiano, residente in Italia.

 

Brutta cosa quando la politica invece che interessarsi dei problemi (l'aggressione ad opera di un ragazzo di controllori che stavano compiendo il loro lavoro) si interessa alla nazionalità di chi la compie condendola con parole non degne di un consigliere provinciale come ''risorsa''. Noi riportiamo per intero l'interrogazione così che ognuno possa farsi la sua idea:

 

Secondo quanto riferito a Civica Trentina, ieri mattina a Trento un maghrebino ha aggredito con calci e pugni due verificatori dipendenti di Trentino Trasporti, "colpevoli" di avere fatto il loro dovere.

Entrambi sono finiti all'ospedale. La "risorsa", ammanettata dalle Forze dell'Ordine intervenute, nel pomeriggio era già libera di circolare per Trento. E, secondo quanto ci è stato riferito, si è presentato agli uffici di Trentino Trasporti per conoscere i nomi dei due verificatori, uno dei quali era una donna.

 

Ad oggi non risultano:

a) dichiarazioni di solidarietà ai dipendenti aggrediti da parte della Presidente di Trentino Trasporti, la cui solerzia nel condannare i propri dipendenti prima ancora che i medesimi abbiano potuto esprimere la loro versione dei fatti pure conosciamo;

b) prese di posizione a sostegno della donna aggredita dell’assessore Ferrari, della Commissione Pari Opportunità, del Forum per la Pace e di altri analoghi (e parimenti inutili, quando non dannosi, organismi), la cui loquacità pure conosciamo. Pare pertanto opportuno all’interrogante fare chiarezza su quanto segnalato.

 

Quanto sopra premesso, il sottoscritto consigliere interroga il Presidente della Provincia al fine di sapere:

 

1) se l’aggressione di cui in premessa è effettivamente avvenuta;

2) se uno dei due verificatori è una donna;

3) se è risponde al vero che l’aggressore nel pomeriggio di ieri si è recato presso gli uffici di Trentino Trasporti per conoscere le generalità dei due verificatori aggrediti;

4) in ipotesi di risposta positiva, se la circostanza è stata segnalata alle Forze dell’Ordine e/o alla Procura della Repubblica;

5) per quali ragioni la Presidente di Trentino Trasporti non ha manifestato ad oggi la propria solidarietà ai due verificatori aggrediti;

6) per quali ragioni l’assessore Ferrari, la Commissione Pari Opportunità, il Forum per la Pace ed altri analoghi (e parimenti inutili) organismi non hanno manifestato la loro solidarietà alla donna aggredita.

 

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.19 del 12 Novembre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

12 novembre - 19:08

Si sono conosciuti in piazza a Novara. Entrambi hanno perso lavoro e casa e poi sono partiti in treno per cercare qualche città dove iniziare una nuova vita assieme. Sono arrivati a Trento da circa un mese e mezzo. Non hanno soldi ed ora con l'arrivo del freddo hanno paura di non farcela

12 novembre - 13:53

In 10 anni spesi oltre 1,6 milioni di euro per borse di studio e contributi per soggiorni studio all'estero in favore dei figli di personale tecnico e amministrativo e dei collaboratori esperti linguistici. Per l'accusa, questi sussidi, sono stati erogati in maniera illegittima provocando un danno erariale, pertanto a risponderne sono stati chiamati due dipendenti dell'Università che hanno sottoscritto l'accordo in questione 

12 novembre - 19:02

La società Autostrada del Brennero, in accordo con la polizia stradale, ha approntato per la nottata in arrivo delle misure cautelative per impedire gravi turbative alla circolazione dell'asse autostradale. Tra Mezzocorona ed Egna sarà possibile circolare solo su una corsia, evitando la creazione di disagi dovuti a mezzi pesanti in panne

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato