Contenuto sponsorizzato

Assaltavano i bancomat facendoli esplodere con l'acetilene. Due persone arrestate

Una terza persona è ricercata. Le indagini sono partite dal colpo messo a segno a Vigo di Ton ed hanno avuto un respiro regionale. Analizzati telefoni e telecamere

Pubblicato il - 27 dicembre 2018 - 08:33

TRENTO. Nella notte del 12 ottobre scorso erano riusciti a far saltare con l'acetilene il bancomat di Vigo di Ton portando via migliaia di euro. In quell'occasione erano partite le verifiche dei carabinieri della Compagnia di Trento, di Cles e la Compagnia di Bolzano.

 

Indagini che hanno avuto un respiro regionale e che sono ora riuscite ad individuare i tre malviventi che quella notte fuggirono tra i meleti.

 

Sono stati arrestati su ordinanza di custodia cautelare in carcere. Si tratta di due uomini moldavi residenti nel Veronese, mentre un terzo complice è ancora ricercato. Tutti e tre sono accusati di quattro colpi ai danni di altrettanti sportelli bancomat.

 

Le indagini portate avanti dai carabinieri, anche grazie alle immagini delle telecamere, hanno permesso di individuare esattamente la dinamica usata dai malviventi per far saltare il bancomat.

 

Tutti i colpi sono stati fatti con il volto coperto e ogni azione era preceduta da diversi sopralluoghi. Scelto il bancomat, con un tubo si introduceva il gas e poi l'esplosione che creava danni anche ai locali della banca.

 

Le indagini proseguono. Si stanno infatti analizzando altri colpi a bancomat che potrebbero essere ricondotti alla stessa banda.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.21 del 23 Ottobre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

24 ottobre - 05:01

Sono arrivati nel bel mezzo della pandemia, quando gli ospedali cercavano disperatamente personale, ma i loro contratti durano solo pochi mesi: “Crediamo di aver dato tanto e ci aspettavamo un trattamento diverso, ora ho deciso di guardare altrove”. Così Apss perde i professionisti della prima linea contro il Covid

24 ottobre - 08:12

Complice il manto stradale bagnato la donna ha perso il controllo del mezzo finendo per ribaltarsi. Sul posto si sono portati i vigili del fuoco di Dro, i soccorsi sanitari e le forze dell'ordine

23 ottobre - 18:47

I risultati dello studio condotto dagli esperti dell’Agenzia provinciale per l’ambiente e la tutela del clima. I test sono stati condotti su diversi tipi di dispositivi di copertura naso-bocca: la mascherina artigianale, chirurgica, FFP2 o KN95, la visiera e le fasce di stoffa. Nello specifico, la percentuale di CO2 espirata ad essere re-inalata con la visiera è del 3%, mentre il 14% con quella artigianale

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato