Contenuto sponsorizzato

Bruno Paoli morì sulle piste della Panarotta, chiuse le indagini. In cinque dovranno rispondere di omicidio colposo

Si tratta di tre della società impianti Panarotta srl e due dipendenti della Provincia, un dirigente e un tecnico del Servizio piste e impianti a fune. L'incidente mortale è avvenuto nello scorso gennaio

Pubblicato il - 15 agosto 2018 - 12:36

TRENTO. Si sono concluse le indagini relative al tragico incidente sugli sci che il 21 gennaio scorso è costato la vita di Bruno Paoli in Panarotta. Lo sciatore stava percorrendo una pista blu di raccordo, con l'8% di pendenza, quando è precipitato nel dirupo riportando numerose ferite che lo hanno portato alla morte.

 

La Procura aveva aperto un fascicolo per l'ipotesi di omicidio colposo, iscrivendo tra gli indagati cinque persone: tre della società impianti Panarotta 2000 e due dipendenti della Provincia, cioè un dirigente e un tecnico del Servizio piste e impianti a fune.

 

Ora la conclusione delle indagini e gli indagati avranno il tempo di presentare le memorie difensive che potranno essere corredate da ulteriori perizie. Dovranno rispondere del reato di cooperazione colposa in omicidio colposo, così come definito dalla Procura della Repubblica.

 

Si tratta di Fabrizio Oss, presidente e legale rappresentante della Panarotta srl, Alberto Pedrotti, delegato alla sicurezza della società sciistica, Renzo Gaiga, responsabile dellea sicurezza delle piste, Silvio Dalmaso, dirigente del Servizio turismo della Provincia di Trento e Gianfranco Mittempergher, incaricato della vigilanza sugli impianti a fune per conto della stessa Provincia. 

 

La Procura contesta alla Panarotta srl di non aver messo in atto tutte le misure di sicurezza necessarie, in particolare di aver ignorato le segnalazioni della Forestale sulla pericolosità di alcuni punti e di non aver predisposto una rete di protezione per le uscite di pista.

 

Ai dirigenti della Provincia viene invece contestato di non aver imposto alla società sciistica le prescrizioni di sicurezza nonostante fossero al corrente delle segnalazioni e dei precedenti. In quel tratto, infatti, nel 20011 rimase ferita una ragazza di 16 anni, sempre per un'uscita di pista. 

 

La famiglia di Bruno Paoli ha avanzato una richiesta di risarcimento che ammonta a circa un milione di euro. 

 

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.05 del 26 Ottobre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

27 ottobre - 10:44

Mentre in Trentino aumentano i contagi, sul fronte scuola il presidente Fugatti ha espresso la volontà di discostarsi rispetto al Dpcm evitando di riconvertire le scuole superiori per il 75% alla didattica a distanza. Ma altre sono le criticità intraviste dai docenti, tra cui la mancanza dell'obbligo di indossare la mascherina in classe. Pubblichiamo a riguardo una lettera di un insegnante. "E' la causa di questo aumento vertiginoso dei casi"

27 ottobre - 11:13

Lettere di Denis Fontanari e di oltre 600 persone tra ''Professionisti e aziende dello spettacolo trentino'' per avere quella risposta che il presidente ieri ha negato a il Dolomiti durante la conferenza stampa

27 ottobre - 12:54

Una donna 80enne è stata trovata uccisa in un appartamento di via Resia, a Bolzano. A trovare il corpo, la badante, giunta sul luogo come ogni mattina per offrire i suoi servizi alla coppia. Accanto al cadavere, il marito di 82 anni, indagato come probabile responsabile e che, per lo choc, ha tentato di togliersi la vita

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato