Contenuto sponsorizzato

CasaPound alla stazione di Ala: "Basta con le aggressioni serve l'esercito". La Lega interroga il ministero

Il movimento di estrema destra era davanti alla stazione dove è stata aggredita, verbalmente, pochi giorni fa una capotreno. Intanto la pattuglia di parlamentari leghisti ha depositato un'interrogazione che con tutta probabilità finirà nelle mani dei loro stessi rappresentanti

Pubblicato il - 25 marzo 2018 - 18:31

ALA. Oggi davanti alla stazione di Ala c'erano alcuni militanti di CasaPound per protestare contro l'ultima aggressione, verbale, che c'è stata ai danni di una capotreno. Bandiere alla mano, con tartaruga da una parte e tricolori dall'altra, hanno ribadito la loro solidarietà alla capotreno e chiesto che sui treni salgano i militari. "Serve l'esercito, sui convogli e nelle stazioni - ha detto Filippo Castaldini - non è possibile che queste 'risorse' si possano permettere di fare quello che vogliono. Non è possibile accettare questa situazione". 

 

E sulla stessa lunghezza d'onda anche la Lega che qualche giorno fa ha depositato in Parlamento un'interrogazione per chiedere "al Ministro delle infrastrutture e dei trasporti e al Ministro dell’interno" di sapere "alla luce della crescita esponenziale degli episodi di violenza che vedono vittime il personale dipendente di Trenitalia da parte di passeggeri sprovvisti di biglietto, quali azioni i Ministri in oggetto intendano mettere in atto per garantire la sicurezza del personale impegnato a lavoro sui treni".

 

L'interrogazione è firmata dalla pattuglia parlamentare leghista (Vanessa Cattoi, Diego Binelli, Maurizio Fugatti, Stefania Segnana, Giulia Zanotelli) e a questo punto, con la formazione del nuovo Governo Movimento 5 Stelle - centrodestra, probabilmente finirà dritta-dritta nelle mani dei loro stessi rappresentanti. Spetterà a loro, a breve giro di boa, dare risposte non solo alle interrogazioni ma alla cittadinanza.

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 05 marzo 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

04 aprile - 19:55

Il presidente in conferenza stampa ha detto che per lui da lunedì si parte ma mentre Kompatscher e Zaia prima hanno distribuito i dispositivi e poi hanno fatto l'ordinanza in Trentino ancora manca tutto. E se nelle farmacie le mascherine scarseggiano il paradosso è che i guanti si potrebbero comprare proprio nei supermercati che, però, domani sono chiusi e lunedì non dovrebbero più essere frequentati senza i guanti

04 aprile - 19:38

Le vittime negli ospedali del sistema trentino sono 3 donne e 3 uomini. Sono 1.601 le persone in isolamento domiciliare, 151 in Rsa mentre i casi complessivi riguardano 741 persone, 151 nelle case di cura e 14 in strutture intermedie. Sono 301 i pazienti ricoverati senza ventilazione, 52 in semi-invasiva e 81 in ventilazione invasiva

04 aprile - 19:01

Si tratta di un gruppo di analisi di scenario e un gruppo tecnico operativo per mettere in campo misure concrete sul breve periodo per dare "ossigeno" a chi ne ha bisogno e impostare una manovra di medio-lungo periodo, che inizi a guardare al "dopo" quindi ad uno scenario che abbracci almeno i prossimi 12-24 mesi. Ecco chi sono i 15 nomi scelti

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato