Contenuto sponsorizzato

Comune di Trento, dai cittadini voto 8 per lo ''Sportello attività produttive''. Stanchina: ''Le criticità ci sono e le affronteremo''

La richiesta di partecipare a questa indagine è stata inviata a 1500 persone che hanno usato il servizio nel corso degli anni 2015, 2016 e fino a settembre 2017. Il totale dei questionari restituiti e validi sono stati 258, quindi circa il 17%

Di G.Fin - 04 marzo 2018 - 11:18

TRENTO. La valutazione degli utenti per quanto riguarda lo sportello attività produttive è, nel complesso, positiva. Vengono apprezzate particolarmente la cortesia e la professionalità dei dipendenti, sia di persona presso gli uffici che nel caso di richieste telefoniche. Meno soddisfacente è invece il giudizio riferito allo sportello telematico considerato poco agevole. 

 

Questi i giudizi che sono stati raccolti dall'indagine condotto dal Comune di Trento sulla soddisfazione nei confronti dei servizi dello sportello delle attività produttive. La richiesta di partecipare a questa indagine è stata inviata a 1500 persone che hanno usato il servizio nel corso degli anni 2015, 2016 e fino a settembre 2017. Il totale dei questionari restituiti e validi sono stati 258, quindi circa il 17%. 

 

Per quanto riguarda l'utilizzo dello sportello, è utilizzato prevalentemente dai titolari direttamente interessati alla prativa per il 39,5%, seguiti dai professionisti incaricati per il 32%.  La maggior parte dei contatti riguardano la presentazione di una domanda o una comunicazione di avvio, modifica, subentro o cessazione dell'attività (87,2%), il secondo motivo è il ritiro di una autorizzazione, concessione o documento. 

 

L'utilizzo dei servizi viene fatto soprattutto per richieste che riguardano i pubblici esercizi e il commercio ambulante. Al secondo posto, invece, i commercianti al dettaglio in sede fissa.  Il giudizio medio attribuito allo sportello (fisico) delle attività produttive rasenta l'8 (7,9). Tra gli gli aspetti particolarmente apprezzati abbiamo il rispetto della privacy (8,5), cortesia e disponibilità del personale (8,3) e la competenza professionale (8,2). Giudizi minori invece per gli orari di apertura, per i quali si chiede una fascia più ampia e anche alcuni pomeriggi. Altro aspetto segnalato con valori più bassi è quello dei i tempi di attesa per accedere al servizio. In questo casi si chiede la possibilità di prenotare online l'appuntamento per avere orari ben precisi.

Sono 149 le persone che hanno risposto al questionario ed hanno utilizzato il Suap, lo sportello unico attività produttive telematico. Il giudizio complessivo, in questo caso, è più che sufficiente, (6,6). La valutazione più severa è stata riservata alla capacità del servizio telematico di portare una effettiva semplificazione rispetto al passato. 

 

Agli intervistati è stato chiesto di fare una valutazione complessiva sui servizi offerti dallo sportello attività produttiva, che è risultata pari a 7.4.  “In merito alle criticità che sono state sollevate dagli utenti con questi questionari – ha spiegato Roberto Stanchina – valuteremo come affrontarle e risolverlo”.    

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 04 luglio 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

05 luglio - 19:43

Si trovava in acqua all'altezza della spiaggia davanti al Pescatore e all'Europa. Sembra si trovasse su un pedalò quando, una volta in acqua, è sprofondato. Ancora una volta il Nucleo sommozzatori (ancora non messo nelle condizioni di partire direttamente da Mattarello come accadeva negli scorsi anni) non è arrivato in tempo utile

05 luglio - 16:51
Il drammatico scontro è avvenuto intorno alle 15.30 di oggi, domenica 5 luglio, all'altezza del campo da tamburello tra Dro e Drena. Si è verificato un violentissimo scontro tra una vettura e una moto, quest'ultima con a bordo due persone
05 luglio - 14:00

La denuncia del Codacons: “Attraverso la voce ‘tassa Covid’, che va da un minimo di 2 euro dei parrucchieri ai 10 euro dei centri estetici fino ai 40 euro richiesti dalle officine, i consumatori sono stati colpiti da vere e proprie stangate”

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato