Contenuto sponsorizzato

Droga: sognano Pablo Escobar, ma finiscono nei guai. Arrestati in quattro

In carcere con l'accusa di detenzione a fini di spaccio di eroina e cocaina per un valore di 35.000 euro

Pubblicato il - 21 dicembre 2018 - 07:22

TRENTO. Sognando Pablo Escobar, il famoso narcotrafficante colombiano, in un appartamento Itea. Si è conclusa con il sequestro di mezzo chilo tra cocaina ed eroina e l'arresto di quattro persone un'operazione delle Fiamme Gialle a Trento.

 

Un'operazione svolta velocemente, a sorpresa: questo il quadro all'interno del quale hanno operato i finanzieri. Tutto è iniziato con una serie di attività investigative, durante le quali l'attenzione dei militari (e dei cani antidroga Apiol e Nabuco) sarebbe stata attirata da un uomo di 29 anni di origine libica nella zona di piazza Dante, della Portèla e di Santa Maria Maggiore. L'uomo sarebbe stato trovato in possesso di un piccolo quantitativo di eroina.

 

È scattata subito una perquisizione di quella che l'uomo avrebbe indicato come casa sua, un appartamento Itea di via Gramsci. Intervenuti immediatamente, i finanzieri vi avrebbero trovato, grazie all'aiuto dei cani in una stanza da letto, una scatola contenente circa mezzo chilo di cocaina ed eroina, un bilancino di precisione e 1.740 euro. Un quantitativo di stupefacente che, sul mercato, avrebbe avuto un valore di circa 35.000 euro. Ma non è tutto, nell'abitazione gli uomini delle Fiamme Gialle avrebbero trovato inoltre un libro in italiano sulla vita di Pablo Escobar, il noto capo del cartello colombiano della droga di Medellin.

 

Nell'appartamento, al momento del blitz, i militari avrebbero trovato tre persone, un ragazzo tunisino di 28 anni, un 34enne sempre di origini tunisine e un 30enne italiano, che sarebbe stato l'affittuario dell'appartamento Itea.

 

Sequestrata la droga, i quattro giovani uomini che vivevano nell'appartamento sono stati arrestati con l'accusa di possesso di stupefacente a fini di spaccio e portati in carcere a Spini di Gardolo.

 

L'episodio si è verificato proprio a una settimana di distanza dalla sottoscrizione di un protocollo d'intesa tra il comando provinciale della guardia di finanza di Trento e Itea Spa, volto a sviluppare forme di collaborazione nelle azioni di controllo delle posizioni reddituali e patrimoniali dei soggetti beneficiari di prestazioni agevolative nel settore delle politiche abitative gestite da Itea per conto della Provincia.
 
Alla base del protocollo la volontà delle Fiamme Gialle di sostenere Itea nella segnalazione di ogni forma di abuso nell'utilizzo delle abitazioni concesse in via agevolata.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.21 del 23 Ottobre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

24 ottobre - 11:55

Dopo le affermazioni di papa Francesco sulle famiglie omosessuali, il mondo cattolico si interroga, tra gli attacchi dei più conservatori e le tante attestazioni di approvazione. Don Marcello Farina: "Parole bellissime. Come cristiani non abbiamo il diritto di imporre agli altri il nostro modo di vivere. La cosa che conta di più è il rispetto per le persone"

24 ottobre - 11:31

Il bilancio resta a 296 morti, mentre i contagi salgono a 6.095 casi da inizio epidemia. Ci sono 102 pazienti ricoverati nei normali reparti ospedalieri e 31 quelli nelle strutture, mentre sono 12 le persone che ricorrono alla terapia intensiva. Sono 32 i cittadini in isolamento nella struttura di Colle Isarco

24 ottobre - 12:29
L'allerta è scattata intorno a mezzogiorno di oggi, sabato 24 ottobre, lungo la strada statale 45bis della Gardesana. In azione la macchina dei soccorsi
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato